loading

UGANDA: QUALITY THAT EVOLVES

Luogo : uganda, Africa
Sustainable development of small rural communities Sustainable development of small rural communities
Budget totale: € 0,00 | Periodo: Da luglio 2010 A

Sintesi

Avendo a cuore la qualita' del cacao stiamo portando avanti un modo di operare che mira ad una collaborazione a lungo termine con i produttori. Esperti agronomi da noi pagati offrono la consulenza tecnica nelle piantagioni per migliorare non solo la qualita' ma anche le quantita' prodotte con chiari vantaggi per entrambi.
E' nostra prerogativa insegnare l'uso di fertilizzanti organici e tecniche di agroforestazione (biodiversita' ) in perfetta armonia con l'ecosistema e dunque sostenibili

Partnership

ICAM SPA - Italia

Candidato guida

ICAM si fa portavoce in tutto il mondo dell’eccellenza italiana nell’arte cioccolatiera. E lo fa attraverso scelte produttive ben precise, capaci di interpretare la filosofia che, da sempre, accompagna l’attività della Famiglia Agostoni alla guida dell’azienda dal 1946, anno della sua fondazione. La tradizione e la passione di certo rappresentano l’anima di ICAM, ma non sono gli unici elementi qualificanti: sostenibilità, filiera integrata, eccellente qualità, tecniche e tecnologie all’avanguardia e attenzione alle tendenze del mercato, contribuiscono a creare il consenso che il cioccolato prodotto dall’azienda lecchese riceve dai consumatori di tutto il mondo.

SWISS CONTACT - Uganda

Partner dell'iniziativa

Lavoro e reddito aprono vie di uscita dalla povertà e reali possibilità per il futuro. Swisscontact sostiene lo sviluppo economico, sociale e ambientale, consentendo alle persone di migliorare la loro vita di propria iniziativa. L'obiettivo è quello di rendere possibile la valorizzazione per una particolare popolazione svantaggiata del loro massimo potenziale economico come produttori, persone che lavorano, e consumatori.

FONDAZIONE TJX EUROPE - Gran Bretagna

Partner dell'iniziativa

Prendersi cura di altri è una parte importante della cultura a TJX. La missione principale della Fondazione TJX è di sostenere i programmi che forniscono servizi di base per i bambini svantaggiati, donne e famiglie nelle comunità in cui operiamo. Nel 2013, su base globale, abbiamo sostenuto oltre 2.300 organizzazioni. Negli Stati Uniti, gran parte della nostra beneficenza è coordinata attraverso la Fondazione TJX, che ha finanziato oltre 1.800 organizzazioni non profit nel 2013.

SPESALVI FOUNDATION - Italia

Partner dell'iniziativa

La Fondazione nasce per proporre e sostenere progetti di cooperazione internazionale legati alla formazione nelle sue diverse declinazioni. Spe Salvi guarda all'università e agli istituti educativi come attori principali per un partenariato stabile, in grado di generare elementi di crescita umana e sociale, non soltanto di offrire risposte immediate ai bisogni.

UGANDA: LA QUALITA' CHE CAMBIA Icam porta il proprio bagaglio di conoscenze ed esperienze nel cuore dell’Africa. Sin dagli anni ’80 ricerca, stimola e supporta lo sviluppo della qualità del cacao nei paesi produttori, in cui l'Uganda rappresenta un progetto concreto che prosegue ancor oggi. Questi i principali interventi realizzati: o Costituzione di una nuova società Icam Chocolate Uganda Ltd. o Costruzione di un centro per la raccolta e la lavorazione industriale del cacao fresco di alta qualità secondo moderne metodologie di lavorazione o Organizzazione di un efficiente sistema di raccolta del cacao fresco dai singoli produttori con garanzia di acquisto al miglior prezzo in loco o Supporto agli agricoltori mediante la formazione su tecniche agronomiche moderne che consentano una valorizzazione dei raccolti e, quindi, un miglioramento della redditività delle piantagioni o Interventi di assistenza educativa, sanitaria e sociale nei villaggi dei contadini.

A Bundibugyo, Uganda, Icam ha costruito un centro con 5 aree di fermentazione, 10 aree di essicazione ed uffici, per la lavorazione del cacao fresco raccolto dai coltivatori, secondo le attuali metodologie di lavorazione messe a punto in oltre 30 anni di collaborazione con i campesinos del Centro America.
Formazione su tecniche agronomiche moderne che consentano una valorizzazione dei raccolti, consulenti dal Centro America e strutture di lavorazione centralizzate, hanno migliorato la redditività delle piantagioni, ridotto il rischio di perdita del raccolto e fatto emergere la qualità intrinseca di questo cacao.
I tecnici agricoli di Icam Chocolate Uganda ed i contadini ugandesi sono stati guidati nelle prime prove di fermentazione da specialisti provenienti dall'Italia e dalla Repubblica Domenicana, altro progetto di sviluppo avviato da ICAM nel lontano 1989, che hanno messo a loro disposizione i know how e le migliori tecniche di lavorazione del cacao. 

Strutture costruite Aprendo questo link si troveranno le immagini relative https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647065138350/

In Uganda la proprietà terriera risulta particolarmente frammentata: gli agricoltori possiedono normalmente appezzamenti ridotti (1-3 acri) anche se il Governo ugandese, attraverso il Cocoa Developmet Project, sta tentando a fatica di potenziare la coltivazione del cacao. Prima del progetto con Icam, i singoli coltivatori dopo aver raccolto il cacao ed averne estratto i semi, procedevano alla fase di fermentazione ed essiccazione in forma autonoma e in modo non idoneo, presso le loro abitazioni prima di venderlo ai grandi traders.
Vi era un alto rischio di perdita del raccolto (si arrivava a toccare il 30% di cacao danneggiato) a seguito di ladri o delle avverse condizioni climatiche durante le fasi di lavorazione (la stagione principale di raccolta coincide con la stagione più piovosa).
Ciò produceva disagi per la vita famigliare e dava spesso risultati negativi sulla qualità del prodotto, ciò produceva una riduzione del prezzo di vendita e di conseguenza sul reddito della famiglia.

Contesto ugandese prima dell'intervento di Icam Ecco il link alle fotografie relative alle condizioni di conservazione del cacao prima del progetto. https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647466541312/

La ricaduta sulla comunità locale ed i risultati ottenuti dai contadini sono stati tangibili e molto importanti:
- 3800 piccoli agricoltori hanno venduto cacao fresco ad Icam (1558 di essi si sono organizzati in 44 gruppi e stanno vendendo il proprio cacao in maniera continuativa)
- Pagamento dei farmers al momento della consegna del cacao fresco
- Risparmio di tempo: gli agricoltori non sono più gravati del lavoro di fermentazione ed essiccazione
- Riduzione del rischio di perdita del raccolto durante le fasi di lavorazione del cacao
- Intervento da parte degli agronomi di Icam volto al miglioramento delle pratiche agricole dei singoli agricoltori
- Avvio di un programma di formazione per i gruppi di farmers
- Vendita al miglior prezzo vigente in loco sul cacao secco

Principali risultati ottenuti Link a foto con casse di fermentazione ed essicazione https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647065231960/

Gli effettivi beneficiari dell’attività sono le comunità locali ed i contadini ugandesi. La ricaduta positiva del progetto sulla comunità locale ed i risultati ottenuti, hanno permesso ai contadini ed alle loro famiglie di migliorare il proprio tenore di vita limitando il rischio di furti e migliorando la qualità della vita con la costruzione di nuove scuole e infrastrutture. Icam ha realizzato il progetto di sviluppo insieme ad altri rilevanti partner internazionali tra cui Fondazione Spe Salvi, legata all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.
Tra gli altri interventi previsti è stata costituita un'apposita società Icam Chocolate Uganda, preposta a seguire la gestione, lo sviluppo e l’organizzazione sul territorio della materia prima che ha assunto in questi anni 27 dipendenti stabili migliorando indirettamente il tessuto sociale della zona coinvolta.

Dati: Contadini attualmente associati 3.800;
Nel 2013 le fave di cacao acquistate da Icam 2.000 ton/anno.

Benefici alle comunità locali e contadini Link a foto con contadini https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647059973937/

Nel Gennaio 2010 il dott. Angelo Agostoni, Presidente di Icam e con esperienza trentennale in piantagione, decise di aprire un nuovo canale di approvvigionamento diretto per coprire il crescente fabbisogno interno di materia prima, Icam chiede di potersi avvalere dell’expertise della Fondazione Spe Salvi in Uganda. Nell’Aprile 2010 una delegazione della Fond. Spe Salvi e di Icam si recano in Uganda, dando concretezza al progetto al quale ha partecipato anche il dott. Giovanni Aletti, fondatore di Spe Salvi.
Direttore esecutivo responsabile di Icam Chocolate Uganda è Fabio Giomo manager dalla comprovata affidabilità, onestà e motivazione. Oltre a lui lavorano un capo squadra, amministratore, 2 tecnici agricoli, contabile, 3 addetti agli acquisti, autista camion, 3 guardie, addetto ai trasporti Bundibugyo-Kampala, 13 manovali. Inoltre, un tecnico specialista giunto dalla Repubblica Domenicana che ha guidato i tecnici agricoli di Icam Chocolate Uganda nelle prime prove di fermentazione. 

Festa d'inaugurazione Link a foto inaugurazione https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647466608182/

Arrivati in Uganda con l'intenzione di comprare cacao fresco direttamente dai produttori, ci siamo scontrati con una legge non scritta in uso tra la gente che impediva ai produttori di raccogliere in giorni diversi dal 15 o 30 del mese.
Questa legge pensata per evitare i furti nelle piantagioni ci precludeva di fatto l'acquisto di cacao durante l'arco del mese impedendo il riempimento giornaliero delle casse per la fermentazione e dunque l'esistenza stessa del centro cosi' come era stato pensato.
Per superare questo grande ostacolo abbiamo dovuto incontrare ripetutamente i gruppi di produttori cercando di dimostrare per mezzo di prove pratiche i vantaggi legati alla vendita di cacao ancora verde. La riduzione per loro dei costi di manodopera, l'annullamento dei rischi di furto o di formazione di muffe sono dei vantaggi ai quali difficilmente si può rimanere indifferenti e di fatto attualmente riusciamo a comprare il cacao circa 22 giorni al mese al posto di 2.

I principali ostacoli incontrati Link a foto con raccolto effettuato in pochi giorni e condizioni ambientali molto complicate https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647065281100/

Icam Chocolate Uganda Ltd ha prestato particolare attenzione alle ricadute ambientali della zona. Le costruzioni del centro si integrano perfettamente con il resto del territorio e l'habitat naturale. Abbiamo cercato di ridurre al minimo le costruzioni in cemento e poichè il terreno, prima di insediare la struttura, era adibito a pascolo non abbiamo dovuto abbattere alberi secolari.
Le costruzioni in legno che riguardano le aree di fermentazione ed essicazione sono state fatte usando l'eucaliptus, un albero che dopo il taglio si rigenera e soprattutto non e' in via d'estinzione.

Impatto ambientale con principali ricadute ambientali avute nella zona Link a foto con le costruzioni del centro che si integrano perfettamente con il resto del territorio https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647460476091/

Il progetto ha dimostrato ancora una volta che, con un impegno serio e con competenza, Icam sa riunire qualità di prodotto e rispetto della persona, che garantisce possibilità di mercato e di sviluppo sostenibile.
Il progetto ha dato impulso alla crescita del territorio, è stato il volano per lo sviluppo socio-economico della comunità locale: reddito certo per i coltivatori, rischi e difficoltà di lavorazione sotto controllo, interventi di assistenza educativa, sanitaria e sociale nei villaggi dei contadini. I prossimi obiettivi individuati:
• Espansione del raggio di azione del centro di raccolta di Bundibugyo al fine di coinvolgere un sempre maggior numero di fornitori
• Creazione di nuove piantagioni e centri di raccolta in zone diverse del paese
• Coinvolgimento di studenti della Uganda Martyrs University e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore nelle attività di formazione degli agricoltori
• Aumento del numero dei contadini consociati

Sostenibilità Ecco il link con le foto legate alle costruzioni di Icam Chocolate Uganda https://www.flickr.com/photos/127685683@N02/sets/72157647058698959/
Video Repubblica Dominicana Ecco il video sulla Repubblica Dominicana realizzato con intervista al presidente di Icam Dott. Angelo Agostoni
../file-system/small/docx ../file-system/small/docx Progetto in Repubblica Dominicana In allegato un altro progetto realizzato in Repubblica Dominicana da Icam. Alcuni esperti agronomi della Repubblica Dominicana hanno aiutato i contadini Ugandesi per migliorare la qualità delle coltivazioni.

Il progetto considerando l'importanza degli interlocutori, ha avuto una rilevante eco mediatica sia in Italia quanto in Uganda. Sul sito Icam si puo' trovare un video che in breve descrive il progetto e contiene delle testimonianze sui benefici che sta portando alla gente. Il link e' http://www.icamprofessionale.it/video
In ottobre uscirà un'intervista fatta ad Orsenigo da parte della rivista Dolce e Salato dove Fabio Giomo e Dott. Angelo Agostoni parlano del progetto mettendo in evidenza gli aspetti sociali del nostro intervento in Uganda.

A livello locale Icam si serve spesso della radio per fare annunci e promuovere l'iniziativa con lo scopo di poter estendere sempre piu' il nostro raggio d'azione.
Poichè nelle famiglie in Uganda, nella maggior parte dei casi e' la donna a gestire i raccolti di cacao, il giorno della festa delle donne collaboriamo con il governo per organizzare una grande festa contribuendo sia con un finanziamento economico sia con materiale brand Icam.

Video Uganda In allegato il video sul progetto Uganda.