loading

Green Road Puglia make community to win FAME (hunger) - Food Art, Movie, Energy and to make the territory FAME (Fameous)

Luogo : Taranto, italy, Europe
Sustainable development of small rural communities Sustainable development of small rural communities
Budget totale: € 1.129.903.471,00 | Periodo: Da giugno 2011 A

Sintesi

Green Road Puglia é il progetto sistemico territoriale del GAL Colline Joniche, comprende 11 comuni italiani dell’entroterra jonica in Puglia. L’area rurale delimita il polo siderurgico europeo ILVA di Taranto. Con il Manuale Green Road  si è avviato un network-comunità che ha focalizzato 4 macro aree:  Food, Art, Move e Energy (FAME). Green Food esalta la Sicurezza alimentare in termini di: Salubrità, Tipicità e Dieta Mediterranea, studiata per individuare una specifica dieta locale. La rete scientifica ha verificato la qualità del prodotto “olio extravergine d'oliva” da impianti recenti e” oliveti monumentali”. L’analisi del processo  ha valorizzato gli agro ecosistemi delle gravine e l’archeologia industriale dei frantoi  ipogei di cui il  Quartiere Ceramico di Grottaglie e le Masserie sono depositarie. Attraverso la qualità dei prodotti, dell’alimentazione e l’economia  turistica green la comunità rilancia l’agro-sostenibilità dei luoghi per costruire una Smart Land - Area Vasta.

Partnership

Local Action Group Colline Joniche S.c.a r.l. - Italia

Candidato guida

La mission del GAL è quella di attuare il PSL (Piano di Sviluppo Locale) nel territorio del “Gal Colline Joniche” (che comprende undici comuni italiani dell’Arco Jonico-Tarantino in Puglia - Carosino, Crispiano, Faggiano, Grottaglie,Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Jonico e Statte), diversificando le attività agricole, creando nuove attività, migliorando la qualità della vita ed ampliando l’attrattività dell’area. Essa si articola su due temi principali: creazione di nuove attività produttive in settori non agricoli e di servizi e valorizzazione delle esistenti; miglioramento della qualità della vita attraverso la fornitura di servizi di prossimità. La strategia di sviluppo del GAL è caratterizzata dall’approccio bottom-up, e gli interventi si realizzano attraverso le opportunità finanziarie provenienti dal PO FEASR della Regione Puglia 2007-2014 e da eventuali risorse aggiuntive derivanti da altri programmi regionali, nazionali e comunitari.

NEPRI Srl - Italia

Partner dell'iniziativa

Nepri Srl nasce quale strumento di ricerca creativa e indipendente dalla necessità di l colmare il divario fra mondo della ricerca e imprese. L’ascolto e l’analisi dei fabbisogni del mondo della produzione agroalimentare è il fondamento della strategia di ricerca industriale e sviluppo innovativo attraverso i concetti di sostenibilità. La soluzione delle criticità favorendo i percorsi più semplici utilizzando le risorse esistenti esaltando la creativita’. Valorizzare l'esistente partendo dall'analisi bisogni degli attori della produzione (focus group - problemi finding, shaping, solving) e avviando processi di valorizzazione attraverso la ricerca applicata e l'animazione territoriale.

ROTARY CLUB GROTTAGLIE - Italia

Partner dell'iniziativa

DIFFOFNDERE IL VALORE DEL SERVIRE; INFORMARE A PRINCIPI DI RETTITUDINE; ORIENTARE OGNI ATTIVITA’ ALL’IDEA DEL SERVIRE; PROPAGARE LA PACE E LA COOPERAZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE

Koiné Culturale Grottaglie (Taranto – Italy) - Italia

Partner dell'iniziativa

L’Associazione Koiné è un'associazione culturale scientifica che si prefigge lo scopo di divulgare la cultura in tutte le sue sfaccettature, attraverso la presentazione di libri e convegni ed eventi.

Medici per San Ciro non profit organization – - Italia

Partner dell'iniziativa

L’Associazione “Medici per San Ciro - Onlus”, in forma democratica, persegue il fine della giustizia e della solidarietà ed in particolare con le persone più povere e svantaggiate. non ha fini di lucro. Si prefigge, pertanto, di perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale, di promuovere eventi culturali, aiutare negli studi giovani promettenti e di arrecare benefici a persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche e familiari, ovvero a componenti collettività estere, limitatamente agli aiuti umanitari. Promuove programmi di salute nelle famiglie e nelle scuole: sicurezza alimentare con corsi di formazione e di educazione all’igiene e alla nutrizione. L’obiettivo è far in modo che la popolazione e soprattutto i bambini siano meno vulnerabili e più sani. Negli ultimi anni ha svolto e realizzato progetti di sanità pubblica: controllo del rischio cardiovascolare, progetti di screening sull’osteoporosi, focus sulle malattie rare, progetto sulla defibrillazione precoce in caso di arresto cardiaco con donazione dei defibrillatori alle forze dell’ordine e formazione dei first responders, progetti sulla riorganizzazione ospedaliera e territoriale locale, progetto di educazione scolastica sanitaria.

Asd Gruppo Grotte Grottaglie - Italia

Partner dell'iniziativa

Il Gruppo Grotte Grottaglie è un gruppo speleologico tra i primi d'Italia (fondato nel 1968). Le esplorazioni e le spedizioni sono parte integrante della attività del nostro gruppo. La collaborazione con altre associazioni ci ha permesso inoltre di organizzare eventi di tipo culturale e scientifico. Organizziamo, inoltre, grandi viaggi a tema per approfondire quanto praticato nella ns. associazione. Il GGG si è sempre dedicato alla salvaguardia dei beni ambientali e culturali del territorio di Grottaglie. Nel corso dei suoi quasi 50 di attività, il gruppo ha operato in diversi settori di pubblico interesse, potendo contare su un numeroso organico versatile ed addestrato. attività: Il Gruppo organizza esplorazioni e spedizioni ma anche didattica, promozione, escursionismo, cultura, tutela ambientale, torrentismo, subacquea, speleo-subacquea, arrampicata, alpinismo, trekking.

CRISMONT Ltd - Italia

Partner dell'iniziativa

Commercializzazione e produzione di prodotti agro-alimentari. Attività di ricerca gastronomica. Consulenza tecnica agronomica-ambientale alle aziende agricole ed alle aziende di trasformazione di prodotti agro-alimentari.

THE CONSORTIUM OF CERAMISTS GROTTAGLIE - Italia

Partner dell'iniziativa

REALIZZAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI MANUFATTI IN CERAMICA, VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO, SOSTEGNO ALLE PICCOLE IMPRESE E BOTTEGHE ADERENTI ATTRAVERSO ATTIVITA’ DI MARKETING E PUBBLICHE RELAZIONI E L’AUTOREGOLAMENTAZIONE INTERNA; IDEAZIONE DI EVENTI (MOSTRE, SEMINARI, CONVEGNI) PER DIFFONDERE IL VALORE STORICO E ARTISTICO DELLA CERAMICA DI GROTTAGLIE; SOSTEGNO A FAVORE DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, ATTRAVERSO ATTIVITA’ DI CONSULENZA E PROMUOVENDO LA COLLABORAZIONE CON SOGGETTI PUBBLICI; DIFFUSIONE DEL PRODOTTO ATTRAVERSO PROGRAMMI EUROPEI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE.

eAmbiente Ltd - Italia

Partner dell'iniziativa

eAmbiente è una società di consulenza ambientale attiva da dieci anni in Italia e in Europa. Le attività principali sono legate alle certificazioni ambientali, di qualità e per la sicurezza, alla consulenza sul tema delle valutazioni e riqualificazioni ambientali, indagini e bonifiche di siti inquinati, pianificazione e gestione delle risorse ambientali ed energetiche. eAmbiente si occupa di tutti gli aspetti legati alla riduzione degli impatti ambientali ed energetici, quali l’analisi e la modellazione degli impatti, la progettazione, la valutazione della fattibilità legale, ambientale ed economica, la promozione e la comunicazione ambientale, al fine di individuare le migliori tecnologie disponibili al fine di ridurre l’inquinamento ed aumentare l’efficienza aziendale. eAmbiente, inoltre, è impegnata nello studio di nuove tecnologie di monitoraggio ambientale per valutare l’impatto sull'ecosistema di nuovi insediamenti produttivi e di complessi industriali esistenti.

Exiteam s.r.l. – Spin off of University of Bari - Italia

Partner dell'iniziativa

• Definizione di piani di valorizzazione e promozione del territorio a fini turistico, culturale e territoriale; • Assistenza alle imprese e alla pubblica amministrazione nel campo della programmazione strategica, governance territoriale e pianificazione finanziaria; • Servizi di assistenza alle imprese e alla pubblica amministrazione nel campo dell’internazionalizzazione; • Progettazione e redazione di piani di marketing; • Elaborazione di Studi di Fattibilità; • Assistenza tecnica per la partecipazione a fiere ed eventi internazionali; • Organizzazione di convegni, congressi, incontri seminariali ed altri eventi; • Web Marketing.

CONSORTIUM A.A.STER s.r.l. - Italia

Partner dell'iniziativa

A.A.STER è dotata di una struttura operativa che assomma al proprio interno le competenze fondamentali (sociologiche, economiche, statistiche, territoriali) per l’attuazione di interventi territoriali finalizzati all’accompagnamento di attori locali o di big players nel loro processo di riposizionamento strategico all’interno dei processi di competizione globale. La metodologia prevede la realizzazione di ricerche socio-economiche-territoriali, la progettazione di interventi integrati, la promozione di momenti di animazione, eventi e mostre/convention e gestione di interventi sul territorio. A.A.STER è in grado di fornire ai committenti pubblici e privati tutta l’assistenza necessaria ad impostare e gestire ogni fase di un progetto di sviluppo e individuare le opportunità coalizionali utili al perseguimento degli obiettivi. Lo strumento più consolidato di attivazione di queste competenze è rappresentato dalla ricerca-azione, strategia di indagine non puramente finalizzata a interessi conoscitivi e orientata alla trasformazione di logiche d’azione e di relazioni tra gli attori coinvolti nel processo di ricerca.

Campus Bio-Medico University of Rome - Italia

Partner dell'iniziativa

L’Università Campus Bio-Medico di Roma (www.unicampus.it) è stata fondata nel 1992 come istituzione no-profit rivolta all’istruzione universitaria e alla ricerca in ambito biomedico. All’Università è associato il Policlinico Universitario. L’Università conferisce le lauree in Medicina, Ingegneria Industriale, Ingegneria Biomedica, Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile, Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione, Infermieristica, Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia. Sono attivi, inoltre, i corsi di dottorato in Bioingegneria e Bioscienze, Scienze Biomediche Integrate e Bioetica. Il Centro Integrato di Ricerca (CIR) rappresenta lo snodo organizzativo e programmatico di tutte le attività di ricerca dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, individuato strategicamente quale unica struttura organizzativa responsabile del coordinamento e dell’attuazione di tutte le attività di ricerca. Il CIR comprende oltre 40 Unità di Ricerca e oltre 20 laboratori di ricerca.

Institute of Biosciences and Bioresources /Italian National Council of Research - Italia

Partner dell'iniziativa

L’IBBR si occupa di biologia fondamentale, ed in particolare dei meccanismi genetici e biochimici alla base delle produzioni agroalimentari e dell’uso sostenibile delle risorse agroalimentari, ed è inserito nella filiera ricerca-applicazione in agricoltura, in collaborazione con Istituti e Dipartimenti Universitari e gli Istituti Sperimentali del MiPAF, dell’ENEA e di Enti Locali. Cura la salvaguardia, gestione, uso sostenibile e l’evoluzione delle biorisorse di interesse naturale, forestale e agrario provvedendo a reperire, conservare, monitorare, tutelare, caratterizzare, valorizzare e utilizzare la biodiversità delle specie di interesse agroalimentare e degli ecosistemi agroforestali e naturali, inclusi organismi non vegetali, al fine di garantirne la sostenibilità. Cura la gestione ex situ delle risorse genetiche vegetali (RGV), e monitoraggio floristico-vegetazionale dei sistemi rurali per la conservazione in situ / on farm/ on garden / in vitro della agro-biodiversità.

University of Bari Aldo Moro - Agricultural and Environmental Science Department - Italia

Partner dell'iniziativa

L’Università degli Studi di Bari viene istituita nell'ottobre 1924 sulle fondamenta delle antiche Scuole Universitarie di Farmacia e di Notariato attivate subito dopo l’Unità d’Italia. Essa verrà man mano potenziata. L'istituzione della Facoltà di Agraria risale al 1939. Attualmente l'Università di Bari si compone di 24 Dipartimenti, che si occupano sia dello svolgimento della ricerca scientifica che delle attività didattiche e formative. Uno dei più grandi e strutturati è il Dipartimento di Scienze agro-ambientali e territoriali (DISAAT), costituito con D.R. 9911 del 30 dicembre 2010, che nasce dalla fusione del Dipartimento di Scienze delle produzioni vegetali e del Dipartimento di Progettazione e gestione dei sistemi agro-zootecnici e forestali. Nell'ambito del DISAAT è stato recentemente istituito il Laboratorio di Ricerca Visuale sul Paesaggio (Ri.Vi.Pa.) che, nonostante la sua recente costituzione, ha già realizzato diverse attività e progetti di ricerca.

Green Road Puglia é la buona prassi del Gruppo di Azione Locale Colline Joniche focalizzata sul "fare comunità" quale processo innovativo sociale ed ambientale. Un approccio sistemico che coalizza gli attori del territorio presenti negli 11 comuni jonici del GAL su ricerche-azioni concrete attinenti la sicurezza alimentare (in particolare ulivo e vite), l’alimentazione, la dieta locale mediterranea, il paesaggio, l'archeologia agro-industriale ed il contesto socioeconomico, tutto ciò al fine di abbracciare una nuova visione "green" dello sviluppo centrata sul paradigma della sostenibilità. Un modello di sviluppo che "parte dal basso", dalla motivazione e mobilitazione della comunità rurale che vuole generare un'economia "global sostenibile" (operare nel locale per essere connessi nel mondo globale) una "green society"attraverso la valorizzazione del proprio patrimonio turistico (masserie, gravine, mare, frantoi, chiese), agricolo (oliveti secolari, vigneti, orti bio) e ceramico.

ll GAL ha analizzato i saperi e le tradizioni per generare innovazioni di prodotto e processo riproducibili in termini di sostenibilità. L’innovazione sociale si è attuata con analisi sul campo che hanno interessato la popolazione per rilevarne le abitudini alimentari e definire così una dieta locale; le aziende agricole, turistiche ed artigianali della ceramica sono state coinvolte quali attori di un territorio "giacimento di vitalità", capitale sociale volano di un nuovo sviluppo sostenibile come dimostrato nel Manuale Green Road. Il territorio é stato attenzionato con: studi attinenti l’agro biodiversità del territorio (terrazzamenti con orti nelle gravine joniche, oliveti monumentali quali beni culturali ); 2) la realizzazione di impianti a biogas che garantiscono l'uso dei residui di produzione3) l’analisi dell’aria con specifico sensore; 4) caraterizzazione del Fingerprint dell'olio extravergine mediante sistemi multisensoriali. Ciò per fare del paesaggio il driver strategico.

Innovazione modello strategico FAME Innovazione Sociale, Ambientale ed Economica riepilogate nel Modello Strategico Green Road FAME con le macro aree Green Food (Salubrità,Tipicità, Dieta Mediterranea), Green Art (Made in Italy, Artigianato Ecocompatibile, Cultura Green) Green Move (Mobilità Sostenibile, Sport, Escursioni) e Green Energy (Bioedilizia, Energie Alternative, Green Economy) FAME: fare comunità perché non vi è Green Economy senza Green Society.
Innovazione sociale Innovazione Sociale: gruppo operativo e beneficiari uniti per fare comunità partendo dal patrimonio naturale-culturale (l'olivo secolare in Puglia é un bene culturale ai sensi della Legge Regionale del 4 giugno 2007 "Tutela e valorizzazione del paesaggio degli ulivi monumentali della Puglia”.
Produzione energia da biogas Tradizione ed innovazione: azienda zootecnica innovativa con impianti a biogas che utilizzano gli scarti di produzione
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Caratterizzazione del fingerprint dell'olio extravergine di olive … L'Università Campus Bio - Medico di Roma in collaborazione con GAL Colline Joniche ha realizzato il progetto "Caratterizzazione del fingerprint dell'olio extravergine di olive mediante sistemi multisettoriali artificiali". Sono stati prelevati campioni di olio da aziende agricole presenti nel territorio del GAL Colline Joniche.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Il pesto da foglie di vite: foglie di vite per l’alimentazione umana... Seguendo la filosofia della Green Road Nepri Srl, Crismont Srl e il Gal Colline Joniche hanno avviato la ricerca e le sperimentazioni per sviluppare un prodotto innovativo e sostenibile che usando le foglie di vite valorizzi altri ingredienti pur rispecchiando la tradizione gastronomica italiana: il pesto da foglie di vite.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Il progetto Protodieta nel territorio del GAL Colline Joniche Questa ricerca realizzata dal Campus Bio-Medico in collaborazione con il GAL Colline Joiche è un'analisi comparativa della dieta attuale e di quella di circa 70 anni fa nell'area del GAL tramite questionario EPIC e integrazione per la dieta storica, confrontando la dieta attuale e quella del passato grazie ad interviste somministrate ad un campione di popolazione anziana e giovane adulta.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Progetto di Educazione alla Salute tra Scuola e Famiglia :Il Cuore a … Il Progetto di Educazione alla Salute tra Scuola e Famiglia, denominato Il Cuore a … Scuola, è nato dalla collaborazione tra Medici per San Ciro Onlus con Rotary Club Grottaglie, Associazione Koinè di Grottaglie, GAL Colline Joniche, Amministrazione Comunale di Grottaglie che si sono impegnate nel realizzare un Patto per la Salute dei ragazzi e delle loro famiglie

Il territorio del GAL comprende 11 comuni jonici (per un totale di 111.241 abitanti) che circondano il capoluogo, Taranto, polo siderurgico europeo interessato da un'emergenza ambientale (nel GAL sono presenti 1572 aziende industriali). Proprio sull'asse Pomigliano, Melfi, Taranto si sta "giocando" il futuro del fordismo italiano. Nel territorio  il settore terziario ha 2629 imprese commerciali e 1929 imprese di sevizi, Le aziende turistiche sono in totale 53 con 1129 posti letto (13 esercizi alberghieri  e 40 extra alberghieri). Il settore primario resta prevalente con 5459 aziende agricole. Grottaglie città dell'uva e delle ceramiche ha un distretto che comprende circa 52 botteghe. Sull'Aeroporto di Grottaglie  si concentrano finanziamenti europei per l'infrastrutturazione del collegamento viario con il porto di Taranto affinché divenga polo logistico nazionale del traffico aereo-cargo industriale con percorsi di sperimentazione che interessano la tecnologia aerospaziale.

Il paesaggio rurale Il paesaggio rurale agricolo presente nel territorio della Green Road Puglia: dalle Colline Joniche al Mar Piccolo di Taranto
Le masserie Le masserie patrimonio agricolo multifunzionale e risorsa turistica della Puglia
Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie ll distretto artigiano nel Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie
Green Road - Background e contesto Fare comunità partendo dal concetto del dono per creare una rete di solidarietà e quindi una Green Society
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Analisi socio economica dei territori compresi nel Gal Colline Joniche Exiteam Srl Spin-off dell’Università "Aldo Moro" di Bari in collaborazione con il GAL Colline Joniche ha realizzato un’analisi socio economica del territorio e dei processi di sviluppo economico in una prospettiva di mappatura dei fenomeni localizzativi e di nuove relazioni economiche. L’analisi dei sistemi produttivi mira a spiegare il ruolo che la comunità imprenditoriale svolge nell'organizzazione produttiva, al centro dei fenomeni economici che mettono in discussione il radicamento territoriale.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf La ceramica grottagliese: da uso a costume Elaborato realizzato dal Consorzio dei Ceramisti di Grottaglie attinente la valorizzazione del prodotto ceramico e del Quartiere delle Ceramiche attraverso la conservazione dei metodi storici rivisitati nella sperimentazione contemporanea.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Microcosmi, Articoli Il Sole 24 ore Green Road e Smart Land Il sociologo Aldo Bonomi, direttore del Consorzio AASTER Agenti di Sviluppo del Territorio di Milano che accompagna il GAL Colline Joniche, ha realizzato dei Microcosmi dedicati alla Green Road, alla Smart Land e al contesto socio-economico del territorio Jonico, questi sono stati pubblicati su Il Sole 24 ore negli anni 2012 -2013.

II GAL come risultato del processo coalizionale attivato per il progetto Green Road Puglia ha prodotto un Protocollo d'Intesa sottoscritto dai vari stakholders locali (parti sociali, istituzioni, associazioni) creando un "patto" per nuovo modello di sviluppo centrato sulla green economy nell'area tarantina. L'area jonica é interessata da una grande sfida ambientale che il territorio vuole vincere assumendo una sua coscienza di luogo e progettando una possibile Smart Land. A sostegno di ciò il GAL ha realizzato un manuale culturale "Green Road FAME" con e per gli operatori, e diverse ricerche-azioni in collaborazione con il partnerariato. Così facendo, si é costruita un'alleanza per un' economia sostenibile tra comunità operosa, comunità di cura ed alleati extraterritoriali. Si é creato un nuovo itinerario enogastronomico partendo dall'agro-archeologia dei frantoi che esalta il patrimonio, un nuovo prodotto il pesto da foglie di vite,vigneti e orti bio, centrali a biomasse etc.

Foto di alcuni firmatari del Protocollo d'Intesa del GAL Colline Joniche Foto di alcuni firmatari del Protocollo d'Intesa del GAL Colline Joniche
Il Protocollo, il Manuale Green Road-FAME e le diverse ricerche realizzate Il Protocollo del GAL Colline Joniche, il Manuale Green Road - FAME e alcune ricerche / studi / elaborati realizzati con i diversi partners.
Una nuova sperimentazione: il pesto da foglie di vite Un nuovo prodotto è stato sperimentato: il pesto da foglie di vite
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf I frantoi ipogei nel territorio del GAL Colline Joniche Il Gruppo Grotte Grottaglie in collaborazione con il GAL Colline Joniche ha realizzato la ricerca: I frantoi ipogei nel territorio del GAL Colline Joniche - L'uomo, l'ulivo, l'olio - legami ed evoluzione, sviluppando uno specifico studio ed una mappatura di questo patrimonio di archeologia industriale presente negli 11 comuni del GAL
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Manuale Green Road FAME Il Manuale Green Road con il modello strategico FAME (Food, Art, Move ed Energy) scritto con e per gli operatori economici per diffondere la cultura Green eco-sostenibile centrata sulla Green Society.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Protocollo GAL Colline Joniche Il protocollo del GAL Colline Joniche firmato dagli attori locali per condividere e valorizzare la Green Road Puglia

Con Green Road Puglia si sono messe a sistema le aziende turistiche, agricole, agro-industriali ed artigiane con i loro Consorzi che stanno puntando sul "green". Queste  sono interessate da un ricambio generazionale con giovani imprenditori e donne che reinvestono sulla "terra" e sul "territorio" puntando alla multifunzionalità e all'inclusione sociale grazie alle nuove tecnologie (n° 119 beneficiari del GAL per un investimento pubblico-privato complessivo di Euro 11.299.034,71). Alcuni esempi: Masseria Quis Ut Deus con l'orto naturale ed il centro benessere; Masseria Amastuola con 100 ha di vigneto-giardino bio; Masseria Monti del Duca con la centrali a biogas; Masseria Celano e Masseria Curtimaggi con produzioni agricole biologiche; Masseria Monte d'Oro con il vigneto comunitario; Masseria Francesca con i cavalli murgesi per la riabilitazione,Masseria Leucaspide, Masseria Didattica Rosario, Energia delle Piante con produzione di integratori alimentari da erbe officinali naturali etc.

Il giovane imprenditore che crede ed investe nella terra Il giovane imprenditore che crede ed investe nella terra e nel territorio generando innovazione.
L'agricoltore sentinella del territorio e dell'agricoltura bio L'agricoltore custode dei saperi e delle conoscenze che innova per garantire un futuro eco-sostenibile.
ll ceramista custode della tradizione crea innovazione ll ceramista custode della tradizione in continua evoluzione creativa e sostenibile
Green Road beneficiari Beneficiari principali che parlano della sicurezza alimentare nella Green Road, con la loro esperienza di imprenditori agricoli.

La buona prassi ha coinvolto in totale 14 partners. 8 tra enti e società di ricerca pubblici e privati: l'Università di Bari con il dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali, l'Università del Salento con il DiSteba, il Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bari con l'Istituto di Bioscienze e Biorisorse, il Campus Biomedico di Roma, il Consorzio AASTER di Milano, EAmbiente Srl, Nepri Srl, lo spin-off Uni Bari Exiteam; 1 Consorzio dei Ceramisti di Grottaglie; 1 azienda Crismont Srl; 4 Associazioni: Gruppo Grotte Grottaglie, Associazione Medici per San Ciro, Koinè e Rotary Club Grottaglie. Studiosi,ricercatori, imprenditori e volontari sono stati coordinati dal GAL Colline Joniche in un percorso di scoperta, analisi ed elaborazione di nuove possibili dinamiche di sviluppo centrate sul modello della "green society-economy. Si é costituito un team multidisciplinare in cui i diversi saperi e ricerche- azioni si sono integrate secondo una visione  d'insieme sistemica ed olistica

Il gruppo di ricerca al lavoro presso la sede operativa del GAL Il gruppo di lavoro impegnato nell'analisi dei dati e dei documenti elaborati per il tema della Sicurezza Alimentare.
Il gruppo di ricerca in Gravina Il gruppo di ricerca coordinato dal GAL Colline Joniche impegnato in un sopralluogo territoriale all'interno della Lama Pensiero.
Intervista sulle abitudini alimentari presenti nella tradizione locale Una beneficiaria intervistata sulle abitudini alimentari presenti nella tradizione locale per la ricerca sulla protodieta.
Riunione operativa del gruppo di ricerca Le risorse umane impegnate si confrontano sulle idee, sugli obbiettivi e sui risultati.
Sopralluoghi territoriali Il gruppo di lavoro mentre svolge sopralluoghi territoriali per analizzare l'ambiente geomorfologico e agro- industriale
Green Road - Risorse umane Alcuni dei momenti di lavoro del gruppo di ricerca multidisciplinare coordinato dal GAL Colline Joniche per sviluppare il tema della sicurezza alimentare nella comunità rurale.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Elaborato attinente il gruppo di ricerca multidisciplinare Il GAL Colline Joniche considerando la ricerca driver principale dello sviluppo territoriale, ha costituito e coordinato a livello sperimentale un gruppo di ricerca-azione multidisciplinare al fine di approfondire le diverse tematiche afferenti il PSL (Piano di Sviluppo Locale) ed il progetto strategico Green Road Puglia.

Per indicare  i punti di forza e gli ostacoli il GAL Colline Joniche utilizza il linguaggio delle metafore con il supporto della street art che ha pervaso la città di Grottaglie grazie ad un progetto artistico "FAME Festival" nato nel 2008 che coinvolge artisti internazionali. Con "i nasi all'insù" che rappresentano le ciminiere dello stabilimento siderurgico ILVA si segnala la difficoltà dell'essere in un territorio che vive il conflitto tra salute e lavoro e che i media spesso "condannano" senza alcun possibile futuro. Con il 2° murales si vuole segnalare l'ostacolo dell'essere un territorio storicamente dominato dalla cultura individualista che genera solo fratture e divisioni per un  passato che non ha prodotto esperienze cooperativistiche di successo. Infine si segnalano  2 rischi contrapposti in terra jonica: da una parte l'abbandono totale del territorio e dall'altra il "surrealismo narrativo" che altera con una racconto non reale la possibilità concreta per un nuovo sviluppo. 

Murales: I nasi all'insù "L'ILVA e la crisi ambientale" "L'ILVA polo siderurgico ha generato una crisi ambientale contrapponendo la salute al lavoro.
Murales: Il degrado ambientale ed il "surrealismo narrativo" Due rischi contrapposti in terra jonica: l'abbandono del territorio e il surrealismo narrativo
Murales: La cultura individualista La cultura individualista che genera fratture e divisioni per un passato senza esperienze cooperativistiche di successo

Green Road Puglia grazie al supporto della ricerca (CNR-IBBR di Bari, Campus Biomedico di Roma, Eambiente di Venezia) ha valutato l'agro biodiversità e la presenza delle colture locali patrimonio di una cultura contadina che persiste nel tempo oltre lo sviluppo industriale siderurgico. Con l'analisi dell'aria e del territorio rurale oltre ad incontri personalizzati con i diversi agricoltori si è rilevata la presenza di presidi eco sostenibili a salvaguardia del territorio e della sicurezza alimentare. E' proprio nella peculiarità delle pratiche agricole e nella trasmissione delle sementi infatti, che si tramandano da generazioni quei saperi che garantiscono l'auto sostenibilità. Si sono individuati agro ecosistemi con masserie integrate, gravine, orti, uliveti, vigneti, colture come cereali, leguminose, e ortive nella più totale adesione alla dieta mediterranea ed alle sue caratteristiche di salubrità, riscoperte attraverso una specifica dieta locale.    

Gli orti biologici Gli orti biologici casseforti di seminativi autoctoni protetti dai saperi locali che li hanno tramandati di generazione in generazione
Gli orti medioevali Gli orti medioevali, le gravine Joniche e le masserie, patrimonio di un paesaggio eco-sostenibile conservatosi nei secoli
La Sicurezza Alimentare da generazione in generazione Dall'anziano all'adulto al giovane il passaggio generazionale dei semi, eredità di grande valore e ricchezza.
La nuova generazione custode del passato I giovani agricoltori sentinelle dell'ambiente e della Sicurezza Alimentare
Le mani dei contadini custodiscono i semi autoctoni Le mani dei contadini custodiscono i semi autoctoni e dunque l'agro biodiversità (un esempio i semi di grano del " Senatore Cappelli")
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Agro biodiversità e mondo rurale nel territorio del Gal Colline Joniche Grazie ad un primo studio dell'Istituto di Bioscienze e Biorisorse (CNR) di Bari il contesto geografico e storico del GAL Colline Joniche è stato osservato esaltando gli agroecosistemi peculiari e le significative tracce archeologiche. Piante selvatiche anche molto rare, alberi di ulivo monumentali, diversi tipi di coltivazioni, vigneti, orti, frutteti e giardini delle comunità rurali si integrano e si alternano a gravine, lame, terrazzamenti, masserie e piccoli nuclei rurali abitati.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf La fotografia per leggere e “intervenire” nella Green Road... La fotografia ha un ruolo essenziale. L'Università degli studi di Bari "Aldo Moro" Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali Laboratorio per la Ricerca Visuale sul Paesaggio ha fornito un'importante contributo in termini di impatto ambientale facendo del paesaggio il driver strategico.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf La sensoristica per la sicurezza ambientale eAmbiente ha realizzato un sistema di monitoraggio ambientale remoto costituito da una centralina con sensori di Ozono (O3), Monossido di Carbonio (CO) e Biossido di Azoto (NO2). Il sistema consente di effettuare un monitoraggio prolungato dei gas e di comunicare i dati acquisiti ad un server da cui, tramite un software dedicato, i risultati delle misure vengono rappresentati in una pagina web disponibile per la consultazione da parte degli esperti e del pubblico.

Il modello strategico Green Road Puglia é stato trasferito in altri territori italiani ed esteri in primis in Basilicata grazie alla collaborazione della Fondazione Eni Enrico Mattei con la quale il GAL Colline Joniche ha partecipato alla Fiera Ecomondo di Rimini Città Sostenibile nel novembre del 2013. La Green Road Basilicata ha attenzionato un territorio che parte dalla Val d'Agri per arrivare sulla costa  jonica. Successivamente é stata costituita una Rete d'Imprese Green Road che vede insieme aziende turistiche di Puglia, Basilicata, Campania e Calabria con l'obiettivo di valorizzare il Mezzogiorno Continentale. Inoltre la buona prassi Green Road Puglia é stata presentata anche in Honduras grazie a specifici momenti di informazione e formazione che hanno interessato la valorizzazione turistica di una strada verde nella quale centrale é la coltura del caffé. La buona prassi si sta sperimentando anche in altre regioni italiane quali: Lombardia ed il Veneto.

Green Road Puglia e Green Road Basilicata insieme Green Road Puglia e Green Road Basilicata insieme ad Ecomondo - Città Sostenibile - Rimini 2013
Green Road anche per i campi dell' Honduras Green Road anche per i campi dell' Honduras con le colture di caffè bio
Green Road con la cooperazione honduregna Green Road con la cooperazione honduregna avviata da un gruppo di agricoltori che persegue lo sviluppo sociale ed economico locale

Il GAL ha realizzato diversi eventi si riepilogano i più significativi, anno 2012:Green (Crispiano-Ta); Taranto Finanza Forum (Ta); Forum Turismo (Gravina -Ba); Task Force Green Road nella smart area (Ta); Anno 2013 Il partenio nella Green Economy (Mercogliano–Av); Forum Italia decide (Montecitorio-Roma); Missione al National Italian American Foundation (New York –Usa); Istituto di cultura NY University (New York Usa);Forum Fondazione Symbola-Unicam (Camerino-Mc); Green (Ta); Fiera Ecomondo - Città Sostenibile (Rimini); Forum Expo 2015 (Martina Franca-Ta); Anno 2014 Circolo della Stampa (Milano); Seatrade (Miami-Usa); Puglia Ispired Dinner (San Francisco-Usa); Green Mobility Show (Venezia); Borsa Mediterranea Turismo (Napoli); Internation Forum Le vie dei mercanti (Capri-Na); GAL Incontra:il ministro Passera (Grottaglie-Ta); C’e’ Olio e Olio (Crispiano-Ta); Adotta un ceppo Grottaglie-Ta); Puglia Underground 2014 (Grottaglie-Ta);Green Movie Festival (Statte-Ta);Workshop Green Economy.

Green Road Disseminazione Alcuni tra gli eventi, i forum, i convegni, realizzati dal GAL Colline Joniche per diffondere la buona prassi Green Road