loading

Processes and friendly innovative eco-compatible treatment for cherries in pre and post-harvest for a healthy and high quality product

Luogo : Bari, italy, Europe
Quantitative & qualitative enhancement of crop products Quantitative & qualitative enhancement of crop products
Budget totale: € 159,00 | Periodo: Da gennaio 2011 A agosto 2013

Sintesi

Il progetto si prefigge di mettere a disposizione degli operatori del settore cerasicolo locale mezzi tecnici e protocolli per la produzione e conservazione di ciliegie in regime di lotta integrata e/o biologica al fine di garantire la qualità del prodotto, di migliorare le rese della produzione mediante l’utilizzo di tecnologia innovativa sostenibile dal punto di vista ambientale, gestibile direttamente nell’azienda di produzione e nei magazzini di stoccaggio per promuovere un’attività rispondente alla normativa comunitaria vigente, nel rispetto dell’ambiente e della salvaguardia delle risorse naturali e della salute degli operatori e dei consumatori.

Partnership

CIHEAM Mediterranean Agronomic Institute of Bari - Italia

Candidato guida

The Mediterranean Agronomic Institute of Bari (MAIB) is a Centre for post-graduate training, applied scientific research and design of in-loco partnership actions in the framework of the international cooperation programmes. It works in four thematic areas: “Land and water resources management”, “Integrated pest management of Mediterranean fruit and vegetable crops”, “Mediterranean organic agriculture” and “Sustainable agriculture, food and rural development”.

Azienda Agricola Romanazzi Serafino - Italia

Partner dell'iniziativa

Produzione di ciliegie e conulenza

University of Bari - Italia

Partner dell'iniziativa

he University of Bari is a public organisation, promoting and organising activities of higher education and scientific research. The University of Bari was founded on October, 9th, 1924, on the basis of the King's Decree no. 624/6.4.1924, and started its activity on the same date. The University of Bari promotes any type of useful cooperation with public and private organisations, with particular regards to those related to the right to study; it cooperates to the activity of orientation and general cultural education of students and favours the participation of students to University activities: it organises the didactic activities necessary to the achievement of University degrees (graduation, specialised graduation, specialisation diploma, research doctorate, first- and second-level Master. The University of Bari is open to the problems emerging from the processes of change and development, organising activities of education and cultural promotion. It promotes cooperation with Universities and research Institutes, both in Italy and abroad, particularly within the European Union.

Il progetto si prefigge di mettere a disposizione degli operatori del settore cerasicolo locale mezzi tecnici e protocolli per la produzione e conservazione di ciliegie in regime di lotta integrata e/o biologica al fine di garantire la qualità del prodotto, di migliorare le rese della produzione mediante l’utilizzo di tecnologia innovativa sostenibile dal punto di vista ambientale, gestibile direttamente nell’azienda di produzione e nei magazzini di stoccaggio per promuovere un’attività rispondente alla normativa comunitaria vigente, nel rispetto dell’ambiente e della salvaguardia delle risorse naturali e della salute degli operatori e dei consumatori.

a) Messa a punto in pre-raccolta dei mezzi di controllo biologico delle malattie fungine su ciliegio.

b) Messa a punto dei trattamenti di post-raccolta con l’ozono su ciliegie.

c) Valutare l’efficacia dei trattamenti di pre e post-raccolta.
 

../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Trattamenti con ozono su ciliegie in post-raccolta E’ stata effettuata una prova sperimentale utilizzando l’aggiunta di ozono nell’hydrocooler di lavaggio delle ciliegie. E’ stata determinata la popolazione epifitica di funghi filamentosi presente sui frutti sottoposti ai diversi trattamenti (sali, A. pullulans, ozono) e la percentuale di frutti contaminati da marciumi dopo 15 giorni di frigoconservazione e 7 giorni di permanenza a 24°C.

La produzione cerasicola pugliese riveste, sia in ambito nazionale che in quello mondiale, un ruolo altamente significativo e rappresenta un’importante fonte di reddito per gli operatori del settore. Un punto critico nella commercializzazione delle ciliegie è rappresentato dai quantitativi di residui di pesticidi. Infatti il periodo che intercorre tra la fioritura e la raccolta. Solo con il ricorso a tecniche di difesa integrata e/o biologica è possibile fronteggiare queste problematiche in maniera eco-sostenibile, garantendo sia la salubrità del prodotto. In questo contesto s’inquadra l’attività di ricerca e sperimentazione svolta nell’ambito dell’iniziativa Pro.Eco.Fru., finanziata dal MiPAAF (D.M. 29640/7818/10), volta a limitare l’impiego di prodotti chimici e a definire tecniche e protocolli di produzione e di conservazione delle ciliegie ricorrenti a sostanze naturali (lieviti, sali, ozono) nella difesa in pre e post-raccolta.

(i) produrre ciliegie salubri in conformità alla normativa europea grazie alla riduzione dei trattamenti chimici;  (ii) prolungarne il periodo di conservazione per poter programmare la commercializzazione in modo da evitare picchi di offerta che ne deprezzino il valore, (iii) apprezzare l’eventuale abbattimento sui residui dei fitofarmaci, con conseguente aumento degli standard di sicurezza alimentare; (iv)  ridurre il numero di trattamenti chimici per il contenimento delle muffe in campo.

Importanti benefici sono riscontrabili a livello di innovazione tecnologica e tecnico-applicativa del progetto proposto che mira a costituire una filiera “in biologico” e/o integrata volta a produrre, quindi come primi beneficiari saranno i produttori del ciliegio nonché il consumatore che avraà alla fine un prodotto più sano e salubre.

Un gruppo di ricercatori del IAMB, principalmente agronomi e tecnici
Il Giovane agricolture la i sui operai agricoli
Alcuni professori del università

Durante la seconda annualità non è stato possibile validare tali risultati con prove statisticamente valide, a causa di fattori ambientali poco favorevoli che hanno influenzato il regolare svolgimento delle attività sperimentale. Infatti a seguito di un forte vento di scirocco, che ha caratterizzato tutto il periodo pasquale, la percentuale di frutti allegati è stata ridotta a tal punto da  compromettere la produzione, soprattutto per la varietà ‘Ferrovia’, che è la più importante del comparto cerasicolo pugliese. 

Attraverso le procedure sviluppate nel corso del progetto si potrà attuare una frutticoltura ecosostenibile che consenta riduzione o abolizione dell’uso di risorse naturali non rinnovabili, riduzione dell’impiego di fitofarmaci e utilizzo di metodi di lotta integrata (lieviti GRAS e Sali) ed applicazione di mezzi di conservazione che non lasciano residui dannosi sia per l’ambiente che per la salute degli operatori e dei consumatori e che allungano la durata dei prodotti (ozono). Questo risultato è di estrema rilevanza soprattutto per le produzioni locali di ciliegie destinate al consumo locale, alle esportazioni e al commercio estero

Perfezionamento e ampliamento del sistema delle conoscenze tecnologiche in materia di trattamenti integrati ecosostenibili.
La produzioni di frutticoltura in qualità superiore, allocati sul mercato a prezzi più elevati.
• Prodotti più salubri, ottenuti con tecnologie non impattanti ed ecocompatibili mediante una riduzione dell’utilizzo di prodotti chimici di sintesi.
• Allocazione dei prodotti su mercati più ampi, grazie alla maggiore conservabilità e durata post-raccolta degli stessi, ottenuta grazie all’impiego innovativo dell’ozono.

Divulgazione
La divulgazione dei risultati è avvenuta attraverso
a) incontri con gli operatori del settore;
b) lavori presentati a convegni nazionali ed internazionali;
c) pubblicazioni scientifiche.

Pubblicazioni
Sono stati presentati diversi lavori scientifici ad eventi internazionali.
 

../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Locandina del incontro del 17 settembre 2013 Locandina del incontro del 17 settembre 2013
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Opuscolo divulgativo dei risultai del progetto Opuscolo divulgativo dei risultai del progetto in cui è stata riportata la sintesi dell’iniziativa suddivisa per azioni con i due protocolli tecnici scaturiti dai risultati