loading

Innovation networks for local development: the case of Crisoperla Association in Tuscany

Luogo : Massa-Carrara, italy, Europe
Socio-economic dynamics and global markets Socio-economic dynamics and global markets
Budget totale: € 0,00 | Periodo: Da gennaio 2009 A

Sintesi

Crisoperla – Liberi da parassiti – biologica e solidale è un’associazione senza scopo di lucro formatasi nelle province di Massa Carrara e La Spezia che promuove l’agricoltura e le produzioni biologiche, incentivando scambi e sinergie tra produttori, consumatori e tecnici.

Fanno parte dell'associazione aziende agricole biologiche, l'Associazione Consumatori Utenti (ACU) Toscana, Gruppi d'Acquisto Solidali (GAS) e tecnici agronomi, che ritengono l’agricoltura biologica un valido modello di economia e di crescita sostenibile perché è socialmente giusta e contribuisce sia a tutelare l’ambiente che a migliorare la qualità della vita e la salute di tutti.

Crisoperla svolge:

  • organizza mercati contadini biologici
  • promuove la relazione fra GAS e produttori biologici locali
  • realizza iniziative culturali e divulgative sull’agricoltura biologica, salute e sostenibilità

Crisoperla è stata inserita come case study dall’Università di Pisa nel Progetto Europeo SOLINSA, concluso nel gennaio 2014.

Partnership

Crisoperla – free from parasites – Association for solidal economy - Italia

Candidato guida

Organizzazione/partecipazione mercati in Toscana e in Liguria. Organizzazione/partecipazione a manifestazioni tematiche per un’altra economia. Organizzazione/partecipazione di convegni, incontri e dibattiti su tematiche per la tutela dell’ambiente e della salute. Organizzazione di visite ad aziende biologiche per studenti e GAS (gruppo di acquisto solidale). Promozione e sostegno di progetti di agricoltura sociale. Interventi divulgativi nelle scuole su tematiche di agricoltura biologica, tutela dell’ambiente e della salute.

Tea Leaf – Cooperative for social farming - Italia

Partner dell'iniziativa

La Cooperativa Foglia del Tè nasce nel 1994 per iniziativa di alcuni volontari e di un gruppo di utenti del Servizio di Psichiatria dell'ASL 1 di Massa Carrara, per la realizzazione di un progetto di inserimento lavorativo e di integrazione sociale di persone ad alto rischio di emarginazione. La Cooperativa si pone come sostegno ai processi riabilitativi dei servizi sociosanitari e instaura fattive collaborazioni con gli stessi, credendo fermamente che la riuscita del progetto dipenda proprio da tenere unito il percorso psicologico e quello lavorativo. La Foglia del Tè è attiva a partire dal 1995 convenzioni con Enti e Amministrazioni della provincia, aprendo più settori di lavoro quali la manutenzione del verde pubblico (attività prevalente), le pulizie di uffici, l’edilizia, l’inserimento presso Enti pubblici, l’attività di traslochi, l’accompagnamento minori su scuolabus, e anche attività agricole di coltivazione ortaggi con metodo biologico. Ad oggi la Cooperativa impiega 50 persone nelle suddette attività, e metà di queste sono soggetti svantaggiati.

Consumers Users’ Association Tuscany - Italia

Partner dell'iniziativa

L’ACU Associazione Consumatori Utenti della Toscana realizza le proprie finalità sociali sia con un'attività di consulenza ed assistenza al cittadino, mediante servizi di sportello territoriali supportati dai propri esperti, sia attraverso attività progettuali locali, regionali ed europee realizzate e coordinate dall'associazione su varie tematiche (Approvate da Regione Toscana, Commissione Europea DG SANCO, Ministero della Pubblica Istruzione ecc.). Fin dalla sua costituzione, nel 1985, ACU Toscana ha avuto come principio fondante il tema della 'sostenibilità' (ambientale, sociale ed economica), nella convinzione che le modalità di produrre e consumare debbano tenere in prima considerazione il rispetto dei diritti fondamentali della persona dell'ambiente e del territorio, della biodiversità in un'ottica di eticità equità e solidarietà. ACU Toscana opera in rete ed ha contribuito anche alla costruzione di soggetti che perseguono obiettivi comuni, tra cui l'associazione biologica e per l'economia solidale Crisoperla, l'inter-rete NaturaleSolidale, l'associazione IBS-Inter-rete Beni Comuni e Sostenibilità.

Sismondi Lab - Italia

Partner dell'iniziativa

Il Laboratorio di Studi Rurali Sismondi è un’associazione culturale senza scopo di lucro che nasce nel 2006 dalla collaborazione di un gruppo di docenti e ricercatori dell'Università di Pisa che operano nel campo dell’economia e della politica agraria e della governance dello sviluppo rurale e locale. Il Laboratorio Sismondi, oggi, coinvolge 30 tra ricercatori (non solo dell’Università di Pisa) e operatori attivi nei suddetti campi. La missione del Laboratorio è la promozione, in una forma aperta e socializzata, delle conoscenze culturali e scientifiche sui temi dello sviluppo rurale e locale con particolare riferimento all'evoluzione socio-economica e ambientale dei territori, alla qualità della vita delle popolazioni e ai problemi legati all'uso delle risorse naturali. Nell'ambito della sua missione gli obiettivi del Laboratorio sono: - la diffusione della cultura sui temi dell’economia e della sociologia agraria e rurale, dell’economia e della sociologia dell’ambiente e del territorio attraverso le relazioni con persone, enti ed associazioni; - l’ampliamento degli orizzonti didattici dei formatori e degli insegnanti sugli aspetti culturali, sociali ed economici delle attività agricole, rurali e ambientali.

Crisoperla – Liberi da parassiti – biologica e solidale nasce da Fare sistema. Il Progetto ha portato alla costituzione di un gruppo di produttori biologici che acquistano insieme le materie prime, coordinati con i GAS e i mercati locali. Convertire l’esperienza derivata in un’organizzazione aperta e ramificata che avesse come obiettivo quello di promuovere la cultura del biologico, la sostenibilità e l’economia solidale: nasce Crisoperla nel 2009 e arriva ad includere agricoltori biologici, GAS, cooperative (agricoltura sociale, pesca), un’associazione di consumatori (ACU Toscana) e agronomi. Per promuovere il biologico occorre integrare le relazioni fra attori diversi e la commercializzazione dei prodotti per rispondere alle esigenze dei produttori e incentivare la cultura del biologico. Crisoperla ha realizzato mercati contadini biologici, iniziative divulgative sul biologico e sulla sostenibilità; ha promosso l’auto-rappresentanza degli agricoltori bio ai tavoli istituzionali.

Crisoperla ha attivato una nuova relazione fra soggetti in risposta a difficoltà percepite: diversi attori nelle Province di Massa e La Spezia (Aziende agricole bio, agronomi, cooperative di agricoltura sociale, ACU Toscana, GAS) hanno dato vita ad una sinergia nuova per il territorio, cooperando per promuovere l’agricoltura biologica come modello economico e di sviluppo territoriale, poiché solo agendo congiuntamente si può sensibilizzare le politiche locali.

Per quanto riguarda l’organizzazione dei mercati, ad esempio, i Comuni in cui l’Associazione opera chiesero più volte il supporto alle sole associazioni di categoria, che non riuscirono a coinvolgere le aziende biologiche, sostenendo che non fossero sufficienti in numero e inadeguate.

Perciò i produttori biologici furono coinvolti in modo improprio, senza il riconoscimento della qualità delle produzioni.

Con Crisoperla, i Comuni hanno un nuovo interlocutore per migliorare la promozione dei produttori biologici e del territorio.

Crisoperla si è sviluppata nella Lunigiana, caratterizzata da particolari caratteristiche sociali ed economiche, ovvero è una zona dove le attività produttive (agricoltura, artigianato) sono in declino e lo spopolamento, specialmente delle aree montane, è un fenomeno in crescita.

Comuni lontani, infrastrutture inadeguate e conseguente abbandono di siti marginali influenzano la capacità d’interazione sociale.

Crisoperla ha origine in questa zona dove non vi erano forme spontanee di raccordo tra le diverse componenti del mondo produttivo e della società civile.

La necessità di nuove relazioni tra individui e componenti economiche e sociali ha contribuito a creare le condizioni per lo sviluppo di questa rete.

Fondamentali due agronomi esperti di agricoltura biologica che, lavorando nell’ambito di un Progetto finanziato dalla Regione Toscana, hanno contribuito alle prime relazioni di scambio di conoscenza fra agricoltori biologici dell’area, poi divenuti nucleo fondante dell’Associazione.

Crisoperla si afferma sul territorio come nuovo soggetto economico e socio-culturale.
Costruisce sinergie e scambi con attori locali e nazionali (Reti di movimenti, di associazioni, di comitati locali).

Cresce la capacità di intermediazione con gli Enti Locali creando nuovi mercati interamente biologici e contribuendo alla crescente richiesta di prodotti biologici da parte dei GAS e dei cittadini che frequentano i mercati biologici.

La raccolta firme ha evidenziato interesse sulle tematiche sviluppate e la volontà di essere contattati per partecipare a iniziative future.

Attività svolte:

  • 6 mercati contadini biologici
  • Evento Sbarchinpiazza a Massa
  • Convegni sull’agricoltura biologica ed economia solidale
  • Un circolo di studio sulla gestione dei gruppi e metodo del consenso
  • 5 seminari divulgativi sugli OGM
  • Confronti con le Istituzioni sui problemi dell’agricoltura e la diffusione di OGM
  • Scambio con le AMAPS Marsigliesi
  • Progetti di agricoltura sociale con soci di Crisoperla
L'agricoltura come preziosa opportunità di inclusione sociale Talk Show all'interno della fiera Viva la Terra! Carrara Fiere, domenica 6 aprile 2014. A cura di Crisoperla ... Liberi dai parassiti, Associazione biologica per l'Economia Solidale.
La torta di ciliegie: una ricetta indimenticabile! Talk Show all'interno della fiera Viva la Terra! Carrara Fiere, domenica 6 aprile 2014. A cura di Crisoperla ... Liberi dai parassiti, Associazione biologica per l'Economia Solidale.

L’esperienza di Crisoperla evidenzia i benefici che derivano dall’azione collettiva, in cui soggetti diversi (agricoltori, ricercatori, tecnici, consumatori) portano il proprio contributo per una comune finalità:

  • i singoli membri
  • il gruppo
  • la collettività

Possiamo identificare i benefici per l'intero gruppo - come ad esempio il miglioramento delle capacità organizzative, capacità strategica, una maggiore visibilità, la consapevolezza di poter agire come soggetto politico, capacità di interazione con le istituzioni locali - e benefici individuali, come l'aumento della performance economica delle aziende, la crescita di autostima, la capacità di riflessione, la capacità di impegnarsi in un'azione collettiva, la funzione di leadership.

Dal lato dei benefici per la collettività e il territorio i principali vantaggi sono legati alla facilità d’accesso al cibo biologico e di qualità e ad una maggiore disponibilità di informazioni sullo sviluppo locale e all'impatto di queste ultime.

L'efficacia di Crisoperla è consentita dall’eterogeneità sia nei soggetti coinvolti sia nei territori tra Toscana e Liguria.

La struttura non gerarchica rende Crisoperla un luogo di confronto e scambio di idee e di informazioni, dove tutti concorrono ad obiettivi comuni.

La divisione dei ruoli e delle competenze è flessibile.

Il ruolo dei tecnici è stato di coinvolgere, ascoltare, mediare, assistere, coordinare il gruppo.

I produttori hanno messo a disposizione del gruppo le proprie esperienze/competenze/aspettative e i propri contatti.

ACU sostiene Crisoperla con azioni formative scolastiche e di sensibilizzazione della cittadinanza in materia agro-alimentare.

Promuove attraverso le proprie reti il modello organizzativo in altri contesti territoriali.

La Foglia del Tè contribuisce all’approfondimento di tematiche sociali e al coinvolgimento di agricoltori biologici in progetti sociali.

Il Laboratorio di Studi Rurali Sismondi sostiene le attività di Crisoperla.

Una delle difficoltà è svolgere queste attività in forma volontaria, poiché genera alternanza di disponibilità e impegno.

Altra difficoltà è l’intermittente partecipazione dei produttori alle attività di divulgazione, informazione e alle riunioni per via del poco tempo disponibile e della distanza.

Per sopperire a tali difficoltà si è deciso di concentrare la pianificazione delle attività nei mesi invernali, quando il lavoro nei campi è ridotto al minimo, e spostare le riunioni nelle sedi delle aziende agricole.

Con l’aumento del numero di soci e l’introduzione di persone che non hanno partecipato alle fasi iniziali del progetto, crescevano le difficoltà di gestione del gruppo.

Perciò si è costituito un circolo di studio sulla gestione di organizzazioni complesse e metodo del consenso.

Il percorso di studio era rivolto in particolare alla definizione delle visioni e missioni dell’organizzazione, così si è potuto estendere a più persone la consapevolezza della gestione del gruppo.

L’impatto in termini di sicurezza alimentare è dato dalla promozione del biologico e dalle iniziative realizzate per la ri-localizzazione della produzione e consumo di cibo bio, ossia mercati contadini e altre forme di vendita diretta (GAS).

La promozione di forme di filiera corta ha un impatto positivo in termini di consumo delle risorse (soprattutto fossili) e di avvicinamento, anche culturale, di produttori agricoli e consumatori che vivono in uno stesso territorio.

Attraverso il coinvolgimento diretto dei GAS Crisoperla ha contribuito (non senza difficoltà ma in modo significativo) all’apertura di mercati biologici locali.

L’esperienza di Crisoperla non è un progetto concluso ma è tutt’ora in atto.

L'efficacia dell'azione di Crisoperla è consentita dalla sua eterogeneità sia nei soggetti coinvolti (associazioni, aziende, singoli cittadini, coop. agricole e non, agronomi, una sociologa, una psicologa, gruppi di acquisto solidale) che riguardo ai territori: si estende infatti tra la Toscana e la Liguria.

Soprattutto il progressivo collegamento con aziende agricole, GAS e reti per l’economia solidale della Liguria ha posto la questione dell’opportunità di creare un distaccamento ligure di Crisoperla, avente le stesse caratteristiche e obiettivi (multi-attorialità, cultura del biologico, attività di rete.

  • 2011: attivazione della pagina Facebook
  • 2012: conferenza Agriculture in an urbanising society, World Congress of Rural
  • 2012: Sapori, Fivizzano
  • 2013: OGM no grazie (volantino), Sapori, Fivizzano, Presentazione a ESRS, Firenze, 2nd International Dissemination Workshop di SOLINSA (Riga, Lettonia), articolo sulla rivista Agriregionieuropa; creazione sito internet; Manifestazione Viva la Terra (Carrara)
  • 2014: inserimento di Crisoperla come esempio possibile di Gruppo Operativo nel Rapporto IFOAM sull’implementazione del Partenariato Europeo per l’Innovazione Agricoltura produttiva e sostenibile; Congresso RIRAB (presentazione)
Cartolina Mangiobio .
Conflitto agricoltori e fauna Talk Show all'interno della fiera Viva la Terra! Carrara Fiere, sabato 5 aprile 2014. A cura di Crisoperla ... Liberi dai parassiti, Associazione biologica per l'Economia Solidale.
La Biodiversità nei Giardini Talk Show all'interno della fiera Viva la Terra! Carrara Fiere, sabato 5 aprile 2014. A cura di Crisoperla ... Liberi dai parassiti, Associazione biologica per l'Economia Solidale. http://www.crisoperla.it/
Per Marinella : progetti innovativi su terre agricole Talk Show all'interno della fiera Viva la Terra! Carrara Fiere, domenica 6 aprile 2014. A cura di Crisoperla ... Liberi dai parassiti, Associazione biologica per l'Economia Solidale.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Articolo ARE Crisoperla .
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Articolo per Sapori Crisoperla .
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Depliant Crisoperla .
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf ECRS31072013_WG7_Favilli et al .
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Locandina Bio la penso così .
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Locandina Dove va l’economia solidale .
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf RIRAB_Favilli Rossi Brunori 11_06_14 .
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Sapori_Manifesto di Crisoperla_tavola rotonda .