loading

The Risorgimento in the kitchen - the unification of Italy to the table

Luogo : Trapani, italy, Europe
Food consumption patterns: diet, environment, society, economy and health Food consumption patterns: diet, environment, society, economy and health
Budget totale: € 0,00 | Periodo: Da maggio 2014 A maggio 2014

Sintesi

L'11 Maggio 1860 Giuseppe Garibaldi, alla guida dei mille volontari, sbarca a Marsala per dare inizio al processo che porterà alla proclamazione dell'unità d'Italia. In quell'avventura il cibo ebbe un ruolo importante, in ricordo di quell'evento che cambiò la storia del nostro paese, l'Associazione “Nel segno del sale” coinvolgendo le scuole alberghiere dei paesi Garibaldini (Bergamo, Genova, Marsala,. Salemi, Calatafimi, Palermo, Messina, Castelvolturno e Teano) organizza l'evento sopra citato. Sarà una riscoperta dei cibi dell'800' che si cucinavano nei luoghi di provenienza dei volontari di quella importante avventura. Si riscopriranno tradizioni culinarie sconosciute o dimenticate, quando nella genuinità e nella semplicità dei cibi c'era l'arte di cucinarli, un esempio di sano consumo della dieta alimentare.

Partnership

Region of Sicily - Italia

Partner dell'iniziativa

Chamber of Commerce of Trapani - Italia

Partner dell'iniziativa

Hall of Marsala - Italia

Partner dell'iniziativa

L'11 Maggio 1860 Giuseppe Garibaldi, alla guida dei mille volontari, sbarca a Marsala per dare inizio al processo che porterà alla proclamazione dell'unità d'Italia. In quell'avventura il cibo ebbe un ruolo importante, in ricordo di quell'evento che cambiò la storia del nostro paese, l'Associazione “Nel segno del sale” coinvolgendo le scuole alberghiere dei paesi Garibaldini (Bergamo, Genova, Marsala,. Salemi, Calatafimi, Palermo, Messina, Castelvolturno e Teano) organizza l'evento sopra citato. Sarà una riscoperta dei cibi dell'800' che si cucinavano nei luoghi di provenienza dei volontari di quella importante avventura. Si riscopriranno tradizioni culinarie sconosciute o dimenticate, quando nella genuinità e nella semplicità dei cibi c'era l'arte di cucinarli, un esempio di sano consumo della dieta alimentare.

Ogni Istituto partecipante, con le proprie tradizioni e storie, darà vita per la prima volta ad una cucina tradizionale ma nello stesso tempo prelibata, infondendo nel visitatore il fascino di quel gusto che, giocato tra la lingua e il palato, suscita un piacere forse mai provato. Ognuno di questi cibi porta con sè le tradizioni culturali del luogo dal quale proviene, arricchendo in questo modo l'esperienza culinaria del visitatore. 

URL VIDEO: http://youtu.be/AJNvnFvqddc  oppure http://vimeo.com/110227988

Il presidente Stecchi e una partecipante Presidente di giuria che assaggia il piatto in gara

L'evento  è stato organizzato in occasione della ricorrenza dello sbarco dei mille a Marsala. I piatti presentati dei partecipanti rappresentavano la ricerca di antiche tradizioni culinarie preparate con prodotti autoctoni: ad  esempio i cuochi provenienti da Genova hanno portato il pesto preparato con il basilico coltivato nelle proprie zone, lo stesso hanno fatto tutti i partecipanti, garantendo così la sicurezza alimentare, una sana preparazione e sano consumo di tutti i prodotti.

Ristorante selezionato Uno dei dieci ristoranti selezionati per lo svolgimento della manifestazione

Grazie all'evento svolto, i cuochi che hanno partecipato (ancora studenti presso Istituti Alberghieri) hanno potuto cimentarsi in una gara culinaria, mettendo in risalto le proprie capacità e potenzialità. L'impatto più tangibile si è avuto con la vittoria dell'Istituto di Messina rappresentato da un a giovane allieva con il piatto “Pesce spada a ghiotta”. Chiediti sempre quanto ne sai e scopri il gusto di saperne ancora di più “il sapere ha un buon sapore”. 

 

Oltre alla giuria che ha potuto degustare tutti i piatti cucinati decretando il vincitore, altri beneficiari sono stati i commensali, accorsi numerosi, curiosi di assaggiare cibi mai gustati prima, arricchendo la propria esperienza gastronomica di sapori nuovi. Allo stesso modo, i ristoranti hanno avuto la possibilità di ampliare le proprie conoscenza culinarie. 

Persone coinvolte nell'evento Tutti i gruppi di persone che hanno partecipato all'evento: scuole, professori, cuochi, protezione civile, ristoratori, giuria, autorità, staff

Partecipanti: 30 allievi degli Istituti Alberghieri, 10 professori accompagnatori. La giuria presieduta dal Prof. Guido Stecchi, Presidente dell'Accademia delle 5 T e direttore della rivista “Sapori d'Italia”. 

staff, vincitori e partecipanti La vincitrice della gara, il presidente dell'associazione organizzatrice, autorità

Difficoltà riscontrate: nessuna. 

Impatto ambientale: sono state utilizzate tutte le precauzioni nel rispetto dell'ambiente e nelle modalità dei cibi cucinati. Sono state rispettate tutte le biodiversità ed il ciclo di vita dei prodotti. Le emissioni di gas serra ascrivibili all'agricoltura raggiungono circa il 15%, è fondamentale quindi modificare le abitudini alimentari, perchè la produzione di cibo abbia un minore impatto sul clima. “La rivoluzione globale può nascere solo da prodotti locali. 

Ricetta Cibi utilizzati per uno dei piatti in gara: tutti ingredienti genuini che garantiscono una elevata sicurezza alimentare, poichè non trattati, ma di origine biologica controllata ed autoctona.

Visto il successo ottenuto, i ristoranti nei quali si è svolto l'evento, hanno inserito nel proprio menù il piatto cucinato dai cuochi partecipanti alla gara. 

locandina evento Locandina dell'evento con tutto il programma
manifesto Manifesto di una delle scuole partecipanti, con ricetta e foto della città

La manifestazione è stata pubblicizzata su un settimanale locale (Giornate di Sicilia) e sulla rivista nazionale Racconti per un viaggio, oltre alle locandine, ai manifesti, alle brochure, agli inviti.

Rivista Racconti per un viaggio Rivista nazionale sulla quale è stata pubblicizzata la manifestazione