loading

Eat healthy, live healthy, donate healthy: towards a correct and sustainable eating style for the future of humanity and the planet

Luogo : Milano, italy, Europe
Food consumption patterns: diet, environment, society, economy and health Food consumption patterns: diet, environment, society, economy and health
Budget totale: € 0,00 | Periodo: Da ottobre 2014 A

Sintesi

Scopo:valutare e migliorare il livello di “sostenibilità” della alimentazione di soggetti sani, in prevalenza donatori di sangue, sia in termini di “impatto sulla salute” che di “impatto sull’ambiente”. Beneficiari:1-i donatori di sangue (che pur sani per definizione non sono scevri da fattori di rischio cardiovascolari);2- la popolazione in generale, perché un messaggio positivo viene recepito con maggior forza, se proviene da un modello “positivo” come quello di donatori che tutelano la propria e l’altrui salute nel rispetto dell’ambiente. Risultati: le diete analizzate hanno un profilo nutrizionale positivo, aderente al modello della dieta mediterranea. L'impatto ambientale invece è risultato meno soddisfacente e sono stati forniti utili consigli. Ne deriva che è importante sensibilizzare l’opinione pubblica non solo a fare scelte alimentari di qualità, ma anche a migliorare l'ecosostenibilità della dieta, per avere ricadute positive sia sulla salute che sull'ambiente.

Partnership

Clinical Nutrition and Dietetic Unit - Luigi Sacco Hospital - Italia

Candidato guida

Il Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica si propone di prevenire, diagnosticare e trattare i problemi di salute legati all’alimentazione, garantendo ad ogni paziente un intervento nutrizionale efficace sulla base delle più attuali evidenze scientifiche, e rappresentare un centro di riferimento ed eccellenza per tutti gli ambiti legati alla Nutrizione Clinica. Il Servizio opera trasversalmente in tutti i campi della medicina che necessitano di interventi nutrizionali specifici: dal trattamento del sovrappeso e dell’obesità a quello della sindrome metabolica, a quello degli stati fisiologici e patologie croniche con ripercussioni nutrizionali (gravidanza, malattie gastroenterologiche, reumatiche, infettive, oncologiche, ecc). E’ inoltre attivo, in collaborazione con la Psichiatria, un Centro ambulatoriale per la Prevenzione e il Trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare (anoressia e bulimia nervosa, binge-eating disorder).

BLOOD DONOR ASSOCIATION L. SACCO Hospital, a non-profit ORGANIZATION OSPEDALE SACCO OBIETTIVO SANGUE (HSOS) - Italia

Partner dell'iniziativa

Hematology and Transfusion Medicine (HTM-UNIMI) - L. Sacco University Hospital - Department of Clinical Sciences & Community Health- University of Milan - Italia

Partner dell'iniziativa

LA TUA DIETA PER IL PIANETA! Secondo la definizione della FAO (“Food and Agriculture Organization”) un modello alimentare “sostenibile” è caratterizzato da due elementi essenziali: un basso impatto ambientale, e scelte nutrizionali sane per le generazioni attuali e future. Abbiamo quindi dato vita ad un progetto per verificare e migliorare l’alimentazione della popolazione, sia dal punto di vista della prevenzione delle malattie croniche che da quello della sostenibilità ambientale. E’ stato creato allo scopo un applicativo su PC in grado di effettuare un’accurata analisi alimentare e di evidenziare le caratteristiche della propria alimentazione sia in termini di qualità nutrizionale che di impatto sull’ambiente. Abbiamo poi scelto i donatori di sangue come primi destinatari e testimonial, in quanto percepiti dalla popolazione come un esempio di soggetti sani e generosi, quindi in grado di produrre un’ottima ricaduta in termini di sensibilizzazione sulla popolazione in generale.

Senza trascurare gli aspetti tecnologici e scientifici del progetto, riteniamo che la sua principale innovazione sia di natura culturale in quanto esso può generare ricadute su ampie componenti della popolazione oltre a quella dei donatori di sangue: bambini nelle scuole, lavoratori che fanno capo ad aziende pubbliche e private, ecc. Il progetto ha la caratteristica peculiare di fornire in un’unica sessione tre importanti informazioni relative alla propria salute e all’ambiente: un giudizio sul proprio peso, sulle qualità salutistiche della propria alimentazione e sulla sua sostenibilità ambientale.
Ovunque esista una postazione informatica sarà possibile utilizzare l’applicativo sviluppato, con l’aiuto o meno di un esperto in nutrizione, per valutare, anche autonomamente la qualità dei propri consumi alimentari in termini di qualità nutrizionale e di impatto ambientale ed effettuare le debite correzioni qualora i giudizi evidenziati siano migliorabili.
 

Diffondere ecosostenibilità Nel corso dell'evento "Aperitivo per EXPO" presso lo stand della Dietologia e dell'Ematologia molti visitatori tra cui molti donatori di sangue si sono cimentati nel valutare le proprie scelte alimentari in termini di salute e di ecosostenibilità

Il progetto è stato realizzato per esaminare, e possibilmente migliorare, la qualità e la sostenibilità ambientale della propria alimentazione, ed è stato testato pubblicamente in occasione dell’evento “Aperitivo per l’EXPO”, promosso da UNIMI e svoltosi a Milano in varie sedi universitarie (la nostra è stata quella dell’Ospedale Sacco), volto a sensibilizzare la popolazione sulle tematiche di EXPO 2015.  Prevede: valutazioni antropometriche  (con eventuale  riscontro di sovrappeso o sottopeso); valutazione delle abitudini alimentari, in termini di “impatto sulla salute”, tramite anamnesi alimentare e raffronto con i LARN (Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia e Nutrienti); valutazione in termini di “impatto sull’ambiente”, con l’utilizzo di un algoritmo basato su tre indicatori sintetici: Carbon Footprint, Water Fooptrint, Ecological Footprint. 

Una giornata ecosostenibile Il progetto è stato realizzato per esaminare (ed eventualmente migliorare) la qualità della propria alimentazione, ed è stato testato in occasione di un evento pubblico (“Aperitivo per l’EXPO”), promosso da UNIMI e svoltosi a Milano in varie sedi universitarie (la nostra è stata quella dell’Ospedale Sacco), volto a sensibilizzare la popolazione sulle tematiche di EXPO 2015.

Nel corso dell’evento “Aperitivi per EXPO” sono stati valutati  40 soggetti di cui 36 (15 femmine e 21 maschi) hanno completato l’indagine.
I risultati sono esemplificati nella tabella allegata. In sintesi i soggetti di sesso maschile risultano mediamente in sovrappeso, a differenza della popolazione femminile; tuttavia,  l'alimentazione è risultata nutrizionalmente valida e coerente ai LARN (Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia e Nutrienti). L'ecosostenibilità della alimentazione è invece risultata mediocre e migliorabile, con livelli accettabili solo per il consumo di risorse idriche. Le donne evidenziano una migliore ecosostenibilità rispetto ai maschi. In conclusione è importante sensibilizzare l’opinione pubblica non solo a fare scelte alimentari di qualità, ma anche a migliorare l'ecosostenibilità della dieta, per avere ricadute positive sia sulla salute che sull'ambiente.

../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Database Master Questo foglio di raccolta dati contiene i dati raccolti durante l'evento "Aperitivo per EXPO", che ha dato inizio al progetto.
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Tabella dei risultati Le diete analizzate hanno un profilo nutrizionale positivo, aderente al modello della dieta mediterranea. L'impatto ambientale invece è risultato meno soddisfacente e pertanto sono stati forniti utili consigli.

Bisogni di partenza: la Dieta Mediterranea è ritenuta uno dei modelli più sostenibili per l’ambiente e la salute; tuttavia anche nel nostro Paese l'aderenza a questo stile alimentare sta diminuendo, a favore di diete spesso irrazionali e talvolta addirittura dannose per la salute. Beneficiari: abbiamo pensato di scegliere i donatori di sangue come primi destinatari e testimonial, in quanto percepiti dalla popolazione come un esempio di soggetti sani e generosi, in grado di produrre una buona ricaduta in termini di sensibilizzazione su ampie componenti della popolazione generale.  I destinatari si estendono quindi ai bambini nelle scuole, ai lavoratori che fanno capo ad aziende pubbliche e private, ai pazienti con disturbi dell’alimentazione, malattie metaboliche, patologie croniche, ecc. In allegato vengono esemplificate alcune schede generate dal nostro software contenenti analisi nutrizionale e di sostenibilità relative ad alcuni donatori. 

../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Referto analisi nutrizionale Esempio di referto di analisi nutrizionale e di sostenibilità relativa ad un donatore in lieve sottopeso, con buon profilo nutrizionale e mediocre profilo di ecosostenibilità
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Referto analisi nutrizionale 2 Esempio di analisi nutrizionale di donatore normopeso con scarso profilo nutrizionale e di ecosostenibilità ambientale
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Referto analisi nutrizionale 3 Esempio di analisi nutrizionale e di sostenibilità di donatore con ottimo profilo nutrizionale e di ecosostenibiità

Ecco i tre partners che hanno contribuito allo sviluppo del progetto, in totale 11 persone coinvolte (tabella e flow-chart in allegato):

Per l’Ospedale: Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica dell’Ospedale Sacco di Milano:
Staff coinvolto: Fulvio Muzio (medico responsabile), Silvia Goggi, Anna Boggio, Elisabetta Piceci (medici), Carla Camerotto, Martina Semeraro e Luisa Cioni (dietiste).
Ruolo: genesi del progetto, know-how nutrizionale, ambientale e tecnico.

Per l’Università: Unità Operativa di Ematologia e Medicina Trasfusionale, Dipartimento di Scienze Cliniche e di comunità (DISCCO):
Staff coinvolto: Prof. Augusto Federici (responsabile), dr.ssa Rosanna Garavaglia (medico)
Ruolo: validazione scientifica, analisi e diffusione dei dati e del progetto.

Per Associazione ONLUS: HSOS Ospedale Sacco Obiettivo Sangue
Staff coinvolto:  Cav. Renato Dal Compare (Presidente); Sig,ra Arianna Soffiantini (segreteria)
Ruolo: organizzazione, primo beneficiario, testimonial.

Staff Dietologia Alcuni memebri dello staff (al centro il responsabile, Dr. Fulvio Muzio)
Staff Ematologia Staff Ematologia (in borghese il responsabile, prof. Augusto Federici)
../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Flow-chart competenze la flow-chart sintetizza i ruoli svolti dai 3 partners del progetto

I potenziali rischi legati all’evento di presentazione del progetto che sono stati presi in considerazione (ma che fortunatamente non si sono realizzati!) comprendevano:
1- eventuale scarso afflusso di donatori e di visitatori all’evento
2- condizioni climatiche avverse che avrebbero compromesso la realizzazione delle analisi nutrizionali
Le difficoltà incontrate:
1- la raccolta dell’anamnesi alimentare in soggetti con scarsa consapevolezza/cultura alimentare (superate con la collaborazione di esperti dietisti)
2- resistenza da parte di alcuni soggetti presi in esame nel recepire il concetto di ecosostenibilità
La strategia scelta per raggiungere risultati positivi è stata quella di utilizzare applicativi informatici di nostra progettazione che ci hanno consentito di velocizzare la raccolta dei dati e di produrre “referti” graficamente comprensibili (esempio di referto riportato al punto 5).
 

Brainstorming "ecosostenibile" Lo staff del progetto in riunione per valutare l'organizzazione e le eventuali problematiche dell'evento: domina l'ottimismo!

Il progetto è stato realizzato per esaminare e  migliorare la qualità e la sostenibilità ambientale della propria alimentazione.  Dal punto di vista della sostenibilità ambientale esso prevede per ogni soggetto esaminato una valutazione in termini di “impatto sull’ambiente”, con l’utilizzo di un algoritmo basato su tre indicatori sintetici: Carbon Footprint, che misura le emissioni dei gas a effetto serra; Water Fooptrint, rappresentativo del consumo delle risorse idriche; Ecological Footprint, che misura l'estensione delle risorse naturali impiegate. Per ciascuno di questi tre parametri è stato assegnato un giudizio (“eco-sostenibile”; “migliorabile”; “non eco-sostenibile”)  basato sul confronto con indicatori ambientali di diete normocaloriche  di tipo “onnivoro”, “latto-ovo-vegetariane” e “vegane”, formulate dal Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica nel rispetto dei LARN (Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia e Nutrienti). 

../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Tabella parametri di ecosostenibilità Per ciascuno dei tre parametri di ecosostenibilità utilizzati è stato assegnato un giudizio basato sul confronto con indicatori ambientali di diete normocaloriche basate sul rispetto dei LARN.

L’esperienza del nostro progetto ha prodotto ricadute durature in termini di:
1- proseguimento del progetto con analisi mirate ai donatori
2- effettuazione delle analisi di sostenibilità su una componente di pazienti che afferiscono al nostro Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica
3- Istituzione di gruppi di educazione alimentare “ecosostenibile”
Riteniamo che l’iniziativa più significativa collegata al nostro progetto sia la creazione di un portale WEB “Diet & Ecological Footprint” (bozza progetto in allegato) con la collaborazione del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano. L'idea è quella di reaizzare uno strumento utilizzabile a vari livelli, dal ricercatore in campo nutrizionale, al clinico, al semplice visitatore desideroso di informazioni circa il suo stile alimentare, volto in ultima analisi alla promozione di una cultura nutrizionale non solo salutare ma anche eco-compatibile.
 

../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Sintesi progetto portale WEB Il portale WEB rappresenta uno strumento utilizzabile a vari livelli, volto in ultima analisi alla promozione di una cultura nutrizionale non solo salutare ma anche eco-compatibile

Le strategie di comunicazione adottate sono consistite innanzitutto nell’aver inserito il nostro progetto all’interno dell’evento “Aperitivo per l’EXPO”, promosso da UNIMI e svoltosi a Milano in varie sedi universitarie (la nostra è stata quella dell’Ospedale Sacco), volto a sensibilizzare la popolazione sulle tematiche di EXPO 2015.
Le nostre strategie comunicative nell’attualità e nel prossimo futuro si basano su:
1- Sensibilizzazione e promozione da parte dell’Associazione Donatori
2- Pubblicazione dei dati su riviste scientifiche (si allega abstract inviato al XXI° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, che si terrà a Milano nel novembre 2014)
3- Attività di educazione alimentare svolta dal nostro Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica
4- Progetto di implementazione di  un portale WEB “Diet & Ecological Footprint” da realizzarsi con la collaborazione del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano.
 

../file-system/small/pdf ../file-system/small/pdf Abstract studio ecosostenibilità I dati raccolti durante lo svolgimento dell'evento "Aperitivi per EXPO" sono stati analizzati e sintetizzati in forma di "abstract" in prospettiva di essere pubblicati