loading

Landscape Expo Tour

Luogo : Milano, italy, Europe
Sustainable development of small rural communities Sustainable development of small rural communities
Budget totale: € 0,00 | Periodo: Da gennaio 2012 A

Sintesi

Progetto di valorizzazione e messa in rete di eccellenze agricole e culturali con percorsi di mobilità lenta.
I percorsi attraversano nel territorio a sud e a ovest della città di Milano, attorno ad Expo, aree coltivate e boschive, toccano cascine, borghi storici e piccoli laghi. Sono studiati in modo che il turista/utente entri in contatto con le attività agricole produttive, incentivando lo sviluppo dei servizi di ristorazione e vendita diretta di prodotti agricoli presenti accanto all'attività produttiva nelle cascine lombarde. La modalità di fruizione intelligente del territorio che si propone intende promuovere un modello di vita sostenibile e di notevole qualità, sia per chi offre un servizio, sia per chi ne usufruisce.
In stretto contatto con le amministrazioni pubbliche e gli operatori agroalimentari locali, i percorsi sono studiati per incentivare la più ampia conoscenza dei territori e delle relative economie agricole, trovando un punto di partenza nell’evento Expo. 

Partnership

AIM - Association for Metropolitan Interests - Italia

Candidato guida

Sviluppo di studi e progetti per l’area metropolitana milanese, per la valorizzazione dell’ambiente e delle risorse storiche e naturali, con il coinvolgimento degli enti locali, delle Università e delle migliori professionalità cittadine. E’ un’associazione no profit che vive delle quote associative e degli apporti di sponsor e sostenitori.

Agricultural Park South Milan - Italia

Partner dell'iniziativa

Il Parco Agricolo Sud Milano nasce nel 1990 e la sua legge istitutiva lo identifica come agricolo e di cintura metropolitana, le sue dimensioni (47.000 ettari) lo collocano a livello europeo come uno dei maggiori parchi agricoli, ed il suo territorio comprende le aree di 61 comuni, compreso il Comune di Milano. L’immagine emergente del Parco Sud è quella di un complesso reticolo ambientale, rurale e paesaggistico, costituito da una storica rete di acque superficiali e sotterranee, che hanno generato un’agricoltura tra le più produttive d’Europa, a cui si affiancano percorsi storici e paesaggistici di grande valore, ambiti naturali riconosciuti a livello europeo, e dove il tema del mantenimento della biodiversità prova a trovare le adeguate connessioni con il modo dell’agricoltura produttiva. La sua natura gli permette di svolgere un ruolo importante rispetto alla promozione di servizi per il turismo rurale, permettendo ai fruitori durante tutte le stagioni di avere un rapporto diretto con le realtà agricole all’interno del parco, ove l’offerta di prodotti e servizi certificati dal Marchio del Parco costituisce un aspetto di primario interesse per lo sviluppo di una fruizione qualificata e consapevole. Visitare le centinaia di cascine tuttora attive all’interno del parco è un’utile lezione di modernità coniugata alla tradizione. Dentro questi storici edifici di indubbio interesse artistico-culturale si è sviluppata un’attività agricola fortemente aggiornata e competitiva, in grado di ricavare il meglio dalla terra e di resistere al richiamo dell’urbanizzazione. Strade, stradine, viottoli disegnano all’interno del parco una interminabile mappa di possibilità a beneficio di chi voglia piacevolmente percorrerle a piedi o in bicicletta, acquistare e/o degustare quanto viene prodotto.

Landscape Architecture Nature Development - Italia

Partner dell'iniziativa

LAND Landscape Architecture Nature Development è un gruppo di professionisti a servizio dell’architettura del paesaggio, fondato nel 1990 a Milano da Andreas Kipar e Giovanni Sala, dove sperimentazione, ricerca e interdisciplinarietà costituiscono le basi dell’attività. Figure professionali diverse quali quelle dell’architetto paesaggista, dell’agronomo, del naturalista, dell’ingegnere ambientale, dell’architetto, dell’urbanista, del pianificatore e del designer compongono il team di lavoro. Partendo dalla progettazione degli spazi aperti e del verde, del landscaping in generale, l’approccio LAND ha sperimentato da sempre una visione di ampio respiro con una lettura a vasta scala. Fin dall’inizio LAND si è occupata di pianificazione urbanistica e territoriale, impegno da cui sono nati i Piani del Verde delle principali città Italiane. Alla ricerca di una continua dialettica tra l’architettura e l’urbanistica, il gruppo ha sperimentato e sviluppato il tema del recupero delle aree dismesse tra cui le esperienze di Napoli, Torino, Venezia, Milano e Roma.

Itinerari di mobilità lenta nel territorio ad ovest di Milano, attorno all'area Expo. Sono percorsi accessibili a tutti, di circa 30 km e con lo stesso punto di partenza e di arrivo, raggiungibile in auto e in treno. Pensati per essere occasione di apprezzamento degli alimenti e dei prodotti dell’agricoltura attorno alla città, in particolare delle pratiche agricole biologiche, spesso adottate nelle aziende agricole lombarde.

Nell’offerta abbastanza ampia di percorsi ciclabili nella provincia di Milano, l’esperienza dei LET si è caratterizzata come innovativa per aver coinvolto fin dalla progettazione sia le amministrazioni locali, sia gli operatori agricoli del territorio, valutando con entrambi il tracciato e i servizi che si potevano offrire al turista/ciclista. Gli agricoltori sono attori impegnati nell’avvio e nel mantenimento del servizio agli utenti dei LET, così come le stesse amministrazioni locali

Evento LET Pedalata 2014 su percorso del LET1 con arrivo in cascina
Riunione con tutti gli agricoltori coinvolti nel progetto Agricoltori e gruppo di lavoro LET4 in riunione per la definizione del progetto

Il progetto ha scelto come obiettivo anche la valorizzazione della conoscenza, presso un vasto pubblico cittadino, di quanto viene prodotto dalle aziende agricole attorno alla città e in particolare nell’area interessata dall’Expo. La produzione di prodotti freschi (verdure, frutti, latticini) e conservati, esito del lavoro delle cascine, viene continuamente riproposto sia attraverso il sito LET, sia in modo diretto attraverso i percorsi ciclopedonali.
Fanno parte del network toccato dai LET aziende con marchio “ PRODUTTORE DI QUALITA’ AMBIENTALE- PARCO AGRICOLO SUD MILANO”, marchio che garantisce la sicurezza alimentare.

Cascina Femegro Cascina Femegro, è sita in Zibido San Giacomo, provincia di Milano. L’attività aziendale, attualmente, ruota attorno all’allevamento del bovino da latte e alla produzione risicola. Gli animali allevati, nati da un gruppo di vacche importate negli anni settanta dal nord America, sono di razza Frisona Italiana. L’allevamento è iscritto al Libro Genealogico dell’associazione Nazionale Allevatori Frisona Italiana (ANAFI) dal 1976 e da allora si esegue la fecondazione strumentale con seme di importazione provato. Il latte prodotto per la sue qualità igienico sanitarie e qualitative rispecchia la normativa per il latte ad “alta qualità” e viene commercializzato con il marchio “Latte Milano”.
Mulino Meraviglia Mulino nel territorio della Provincia nord-ovest di Milano, area toccata del progetto LET
Pedalata Evento LET All'interno del progetto SUPERMILANO 2014, LET ha organizzato un doppio appuntamento in bicicletta sui percorsi costituiti dal LET1: Parco delle Groane e Ville di delizia, canale Villoresi fino alla futura via d'acqua di Expo

Il territorio gode di percorsi tracciati, segnalati, ben definiti e praticabili, facilmente reperibili e scaricabili comodamente dal web, così da valorizzare l’esistente permettendo a tutti gli utenti che lo desiderino, di scoprire la campagna milanese  e i suoi prodotti, così importanti anche per l’economia lombarda, i suoi valori e il suo paesaggio. Il successo partecipativo del progetto diviene evidente durante gli  eventi organizzati da LET

Uno dei percorsi LET Mappa interattiva e geolocalizzata di un percorso LET, comprensiva delle numerose cascine, agriturismi e punti di ristoro che partecipano al progetto

Cittadini metropolitani e turisti stranieri, famiglie con bambini per i quali, oltre all’attività fisica e all’ambiente naturale, viene offerta la possibilità di trovare alimenti sicuri, sani e freschi. Altri gruppi interessati e coinvolti sono le associazioni sportive e culturali, i gruppi aziendali, boyscout e gruppi scolastici. Sono inoltre beneficiari delle iniziative i tanti agricoltori presenti sul territorio e le stesse amministrazioni locali.
La proposte dei LET si è quindi configurata come una concreta risposta al bisogno dell’abitante metropolitano di trovare “naturalità” nell’ambiente, nel paesaggio e nei cibi, facendo solo pochi km dalla propria abitazione.

Biciclettata evento LET 2014 foto di partecipanti all'evento
Elenco Comuni inseriti nel progetto LET Elenco di tutti i comuni partecipanti al progetto LET
Riunione plenaria di tutte le istituzioni legate al progetto LET1 Riunione plenaria di tutte le istituzioni aderenti al progetto LET1 tenutasi nel 2014 presso Villa Arconati (Bollate), Parco delle Groane.
../file-system/small/docx ../file-system/small/docx Partecipanti evento LET aprile 2014 Tabella con dati di partecipazione all'evento (biciclettata) LET "LET'S WALK" 2014 relativi ad alcuni Comuni situati nel Parco delle Groane

Il progetto dei LET ha coinvolto risorse umane con profili professionali diversi, in tutto circa 15 professionisti:
architetti, urbanisti, paesaggisti e agronomi, designers, botanici, professionisti nelle relazioni pubbliche, storici del territorio, fotografi, cuochi, personale di segreteria ed amministrativo.

Risorse umane progetto LET Foto di gruppo con tutte le risorse coinvolte nel progetto LET
Riunione plenaria LET4 Riunione plenaria con tutti i sindaci del LET4

La reale difficoltà affrontata è stata il reperimento delle risorse per realizzare le opere sul territorio che dessero attuazione al progetto dei LET (segnaletica con Totem specifici e segnaletica orientativa per ogni eccellenza culturale, manutenzioni stradali e arredi di aree di sosta, messa in sicurezza dei percorsi rispetto al traffico carrabile).
Altre difficoltà si sono incontrate nel reperimento di aree per piantare filari e opere di qualificazione paesaggistica dei percorsi.

Mobilità lenta e promozione di commercio agricolo locale

La realizzazione del progetto LET è un’opera duratura nel tempo, oltre al periodo Expo, studiata per essere supporto permanente alle attività del tempo libero, della buona alimentazione e di corrette abitudini di attività all’area aperta, avendo la collaborazione costante degli attori presenti sul territorio, quali custodi del bene paesaggistico.

Fin dalla nascita il progetto è stato accompagnato dalla creazione del sito web, costantemente aggiornato nei contenuti e nelle attività delle aziende agricole. In occasione di eventi pubblici promossi dagli enti locali, i LET sono stati percorsi e pubblicizzati più volte con iniziative ad hoc molto frequentate. Sono in corso accordi per specifiche organizzazioni per gruppi selezionati di ospiti Expo.